L’anno scorso FCA ha acquistato crediti di CO2 per un valore di 362 milioni di dollari in Europa

Fiat Chrysler Automobiles ha rivelato di aver speso oltre 300 milioni di euro (362 milioni di dollari) in crediti verdi lo scorso anno in Europa
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

FCA ha rivelato di aver speso oltre 300 milioni di euro (362 milioni di dollari) in crediti verdi lo scorso anno in Europa, la maggior parte dei quali è andata a Tesla. Nel 2019, FCA, che ora fa parte della neonata Stellantis, si è impegnata a spendere circa 2 miliardi di dollari in crediti regolamentari fino alla fine del 2021.

Il CFO di Stellantis ed ex FCA Richard Palmer ha dichiarato durante una chiamata agli investitori che la casa automobilistica si aspetta di spendere un po’ meno quest’anno in crediti rispetto al 2020 al fine di evitare pesanti multe per le emissioni di CO2. “Abbiamo avuto costi dei crediti nel 2020 di circa 300 milioni per l’Europa, la maggior parte dei quali erano Tesla”, ha detto, aggiungendo che la spesa sarà inferiore “ma non in modo significativo” quest’anno.

Le case automobilistiche che stanno lottando per soddisfare le rigide norme sulle emissioni di CO2 medie della flotta in Europa possono acquistare crediti regolamentari da case automobilistiche concorrenti che le rispettano al fine di ridurre o evitare completamente le multe imposte dall’Unione europea.

La vendita di questi crediti ad altri produttori rappresenta una parte crescente dell’attività di Tesla, riferisce CNBC , poiché il produttore di veicoli elettrici si sta orientando verso una redditività sostenuta. L’anno scorso, Tesla ha realizzato entrate per $ 1,58 miliardi dalla vendita di questi crediti, quasi tre volte superiori al loro profitto di $ 721 milioni nello stesso anno.

Fiat Chrysler non è l’unica casa automobilistica che ha acquistato crediti da Tesla . Honda ha anche acquistato crediti dal produttore di veicoli elettrici, secondo Schmidt Automotive Research.

Man mano che sempre più case automobilistiche lanciano i propri veicoli elettrici, il lato della vendita di crediti di Tesla probabilmente diventerà più piccolo. La possibilità che le regole relative alla CO2 diventino ancora più rigide, tuttavia, significa che nessuno può davvero prevedere cosa sta arrivando, Tesla inclusa.

Kirkhorn ha aggiunto che la maggior parte dei proventi dei crediti di CO2 di Tesla nell’ultimo trimestre del 2020 “non erano allineati prima dell’inizio del trimestre”. L’aumento delle vendite a credito è derivato da “accordi discreti conclusi nel corso del trimestre”.

Ti potrebbe interessare: Il gruppo FCA si dichiara colpevole di corruzione in USA

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share