Marelli: brutte notizie in arrivo

Marelli annuncia il taglio di circa 1.500 posti di lavoro a causa dei problemi di produzione relativi alla mancanza di microchip
Marelli
Marelli

Il produttore di componenti automobilistici Marelli manda fuori il 7,5% di tutti i suoi dipendenti, perché a causa dell’attuale carenza di (principalmente) chip per computer, nessun prodotto può essere consegnato. Marelli fornisce parti a quasi tutti i produttori di motori nel mondo, in particolare nei settori dei componenti elettronici per l’iniezione del carburante, sensori, illuminazione, azionamenti elettrici e centraline. Inoltre, il gruppo vende tutte le parti immaginabili per auto e moto; dalle pastiglie dei freni alle sospensioni e dai cruscotti ai cablaggi.

Come conseguenza indiretta della pandemia di coronavirus, c’è stata una carenza di molti tipi di parti, con ritardi nella produzione di chip e semiconduttori in particolare, perché a loro volta dipendono da materie prime che non sono disponibili, mentre l’intera catena di trasporto è stato anche scossa.

Nell’industria automobilistica, la carenza di chip è attualmente molto acuta e la produzione viene sempre più interrotta, ma anche la produzione di motocicli inizia a diventare problematica. Diverse case motociclistiche si aspettano quindi che la consegna di nuove moto nel 2022 possa diventare molto imprevedibile. Oltre alle moto complete, non è assolutamente garantita la consegna puntuale di articoli come pneumatici moto, caschi, abbigliamento e accessori. Vedremo dunque nelle prossime settimane come si evolverà questa situazione relativa alla famosa azienda che lo scorso anno è stata ceduta dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles al fondo americano KKR e fusa con i giapponesi di Calsonic Kansei.

Ti potrebbe interessare: Magneti Marelli a Bielsko-Biała possibile sciopero dei dipendenti

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler Automobiles Canada: class action contro gli EGR di alcuni veicoli per rischio di incendio

Marelli
Il produttore di componenti automobilistici Marelli manda fuori il 7,5% di tutti i suoi dipendenti, perché a causa dell’attuale carenza di chip per computer, nessun prodotto può essere consegnato

Ti potrebbe interessare: Il caso di corruzione che coinvolge FCA potrebbe non avere eguali nella storia degli USA

Ti potrebbe interessare: Stellantis: i sindacati italiani si preparano all’incontro con i vertici del gruppo dell’11 ottobre

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share