Il caso di corruzione che coinvolge FCA potrebbe non avere eguali nella storia degli USA

FCA: la condanna per corruzione in USA rappresenta una delle più grandi violazioni del Taft-Hartley Act nella storia degli Stati Uniti
FCA
FCA

La fusione che ha formato Stellantis a gennaio ha creato la quarta casa automobilistica più grande del mondo, ma non ha cancellato uno scandalo che ha visto milioni di dollari in pagamenti vietati fluire dagli ex dirigenti di FCA ai funzionari della UAW.

Il braccio operativo statunitense della società, formalmente noto come FCA US e rappresentante delle case automobilistiche Detroit Three, è stato condannato martedì a pagare 30 milioni di dollari e a sottoporsi a un monitoraggio della conformità per tre anni per il suo ruolo nello scandalo durato anni, secondo i pubblici ministeri. era un tentativo di deformare il rapporto tra lavoro e direzione.

FCA, che sarà in libertà vigilata per tre anni ma non dovrà pagare il risarcimento, si è dichiarata colpevole a marzo di un’accusa di cospirazione per violare la legge sui rapporti di gestione del lavoro.

L’assistente procuratore degli Stati Uniti Erin Shaw ha detto al giudice Paul Borman durante la sentenza a Detroit tramite Zoom che la dichiarazione di colpevolezza della società per un crimine è significativa perché molti casi aziendali finiscono con procedimenti penali differiti. In effetti, la gravità di questo caso potrebbe essere impareggiabile, ha affermato, osservando che l’azienda impiega decine di migliaia di lavoratori negli Stati Uniti e vende milioni di veicoli con le targhe Chrysler, Dodge, Jeep e Ram.

“Siamo stati informati dai nostri colleghi del Dipartimento del lavoro di Washington che questo caso segna una delle più grandi violazioni del Taft-Hartley Act nella storia degli Stati Uniti, se non la più grande”, ha detto Shaw, riferendosi a una legge che disciplina i sindacati. e delle attività aziendali. “La condotta criminale di FCA e dei suoi dirigenti ha notevolmente minato la fiducia e la fiducia che gli uomini e le donne che lavorano negli stabilimenti e nelle catene di montaggio ripongono nei loro leader. Questi crimini hanno anche minato la fiducia dei lavoratori nell’integrità del processo di contrattazione collettiva”.

E nel respingere le prime affermazioni secondo cui le persone coinvolte erano semplicemente cattivi attori, Shaw ha affermato che questo “non era l’atto di un dipendente canaglia o di basso livello presso FCA, ed è abbondantemente chiaro che c’è un problema significativo con la cultura in questa azienda in anni passati.”

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler truffata: arrestato venditore di auto

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share