Fiat Chrysler truffata: arrestato venditore di auto

Arrestato il 34enne Apollon “Apollo” Nimo, 34 anni, in precedenza uno dei migliori venditori di Fiat Chrysler in USA
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

La situazione sta precipitando per il 34enne Apollon “Apollo” Nimo, 34 anni, in precedenza uno dei migliori venditori di Fiat Chrysler Automobiles nel paese. Ora è accusato di frode telematica e cospirazione da procuratori federali per coinvolgimento in una truffa da 8,7 milioni di dollari che ha preso di mira la casa automobilistica.

Il Detroit News riporta che Nimo, residente nel Michigan e precedentemente impiegato presso Parkway Dodge Chrysler Jeep, è stato arrestato venerdì scorso e ora rischia fino a 20 anni in una prigione federale. È accusato di aver orchestrato un vasto mercato nero che includeva broker che spacciavano numeri di sconti per dipendenti di Fiat Chrysler a venditori che poi si collegavano con potenziali acquirenti in gruppi privati ​​di Facebook.

In breve, Nimo è accusato di aver rubato a Fiat Chrysler, ora parte di Stellantis, i numeri dei dipendenti e quindi di aver utilizzato gli sconti di diritto per la vendita e il noleggio di veicoli a non dipendenti. Gli investigatori hanno scoperto 268 numeri di dipendenti utilizzati illegalmente tra il 2016 e il 2018. Tutti risalgono direttamente a Nimo.

Ogni dipendente della casa automobilistica riceve un numero specifico di sconti all’anno che possono essere utilizzati anche dai parenti. Quei parenti devono essere inseriti in un elenco depositato presso la casa automobilistica e le concessionarie, quindi verificare le informazioni. Spetta anche ai concessionari salvaguardare tali informazioni, ed è qui che è iniziato il piano di Nimo. I sospetti iniziarono a sorgere quando si notò che stava vendendo un numero insolitamente elevato di veicoli scontati per i dipendenti.

Ad esempio, gli investigatori hanno scoperto che il padre di Nimo aveva preso in leasing almeno tre auto da lui nel 2014 e, per ogni transazione, Nimo ha dichiarato che suo padre era un parente di tre diversi dipendenti di Fiat Chrysler. Ma Nimo non si è fermato qui. Ha avviato una rete online utilizzando gruppi privati ​​di Facebook per acquistare e vendere numeri di dipendenti FCA. È stato un enorme successo.

A gennaio 2020 Nimo ha venduto circa 250 veicoli, un numero più in linea con quello che un intero reparto vendite vende in un mese. Un manager della concessionaria di Nimo, interrogato dagli investigatori, ha rivelato che Nimo è stato avvicinato da un cosiddetto “broker” numero dipendente che ha ammesso di fare affari con Nimo e altri venditori di FCA. Gli investigatori hanno rintracciato quel broker e il coinvolgimento di Nimo è diventato chiaro. Vendeva numeri di dipendenti del mercato nero per $ 600.

Un numero di dipendente è stato utilizzato per ottenere uno sconto di quasi $ 2.600 su un nuovo Ram 1500. Il dipendente in pensione non ha acquistato il pickup, ma è stato indotto a fornire il suo numero nel 2018 quando ha ricevuto una chiamata da un venditore sconosciuto che affermava che uno dei suoi parenti era dal concessionario e aveva bisogno del numero per acquistare un veicolo.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Opel

Opel: nominato un nuovo CEO

Importante novità per Opel. A partire dal 1° settembre, Uwe Hochgeschurtz sarà il nuovo CEO della casa automobilistica…
Total
0
Share