Stellantis: La più grande fabbrica di motori diesel al mondo passa all’elettrico

Stellantis: la più grande fabbrica di motori diesel del mondo, situata nella regione francese di Tremery, inizierà a produrre motori elettrici
Stellantis
Stellantis

La fusione tra i grandi gruppi automobilistici FCA (Fiat e Chrysler) e la francese PSA (Peugeot, Citroën, Opel tra gli altri) è stata uno dei grandi annunci dello scorso anno all’interno dell’industria automobilistica e si traduce in uno dei più grandi giganti delle case automobilistiche in il mondo e la quarta casa automobilistica mondiale in termini di vendite annuali: Stellantis.

Il nuovo gruppo risultante adotta il nome Stellantis e avrà un nuovo consiglio di amministrazione con 11 membri. Sarà guidato dall’attuale presidente di Fca, John Elkann, il cui numero due sarà Rober Peugeot, che fungerà da vicepresidente. Da parte sua, Carlos Tavares sarà l’amministratore delegato della nuova società, mentre Henri de Castries diventerà l’amministratore indipendente. Inoltre, questa nuova società avrà fino a sette amministratori non esecutivi.

Stellantis diventa così la quarta casa automobilistica al mondo, con cifre di circa 8,7 milioni di auto prodotte ogni anno. Comprende anche 15 marche diverse. Una volta definito l’organigramma, inizia a trascendere il loro business plan che, come non potrebbe essere altrimenti, punta sulla cosiddetta nuova mobilità, con l’elettrificazione dei motori come aspetto fondamentale. Secondo Reuters, la più grande fabbrica di motori diesel del mondo, situata nella regione francese di Tremery, inizierà a produrre motori elettrici, a scapito del diesel.

In particolare, l’obiettivo è raddoppiare la produzione a circa 180.000 unità nel 2021, anche se si prevede che raggiungerà le 900.000 unità all’anno entro il 2025. La verità è che la domanda di auto diesel è precipitata dal 2015, mentre le nuove e rigide normative UE sulle emissioni inquinanti stanno costringendo i marchi a passare ai modelli elettrici. “Il 2021 sarà un anno cruciale, il primo vero passaggio al mondo dei modelli elettrici” , ha confermato Laetitia Uzan, rappresentante del sindacato CFTC a Tremery.

Ma per i 3.000 lavoratori di Tremery e per l’industria automobilistica in generale, c’è un’ulteriore complicazione. I motori elettrici hanno solo un quinto dei componenti dei motori diesel, il che significa meno requisiti di personale.

Le vendite di veicoli completamente elettrici e ibridi plug-in nell’UE sono aumentate del 122% nei primi nove mesi del 2020, in un momento in cui le vendite totali di veicoli sono diminuite del 29% a causa della pandemia. Ma rappresentano ancora solo l’8% circa del totale, a causa di problemi che ne rallentano l’espansione, come la disponibilità ancora limitata di punti di ricarica e il maggior costo di molti modelli elettrificati.

Ti potrebbe interessare: Stellantis fissa le date per i lanci di Fiat e Jeep in Brasile

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share