Stellantis inizia a produrre motori turbo a Betim

Stellantis ha scelto Carlos Tavares, CEO globale, per avviare simbolicamente la produzione dei motori turbo GSE nello stabilimento di Betim
Betim
Betim

Stellantis ha scelto Carlos Tavares, CEO globale, per avviare simbolicamente la produzione dei motori turbo GSE nello stabilimento di Betim in Brasile mercoledì 10, giorno in cui il complesso automobilistico inizia un periodo di vacanza collettiva di 10 giorni per un turno di lavoro a causa della mancanza di parti.

Stellantis inizia a produrre motori turbo a Betim

È stata la prima visita dell’esecutivo portoghese in Brasile dopo la fusione globale tra FCA e PSA a gennaio. Tavares, invece, conosce bene il paese e il mercato regionale. Dal 2013, anno in cui è subentrata la casa automobilistica francese, allora a rischio di fallimento, ha visitato più volte le attività del gruppo in Sud America per monitorare da vicino l’attuazione dei piani globali “Back to the Race” e “Push to Pass”.

Articolati da Tavares, i programmi hanno tagliato le capacità produttive in diversi mercati, ridotto il personale di fabbrica ed eliminato le linee di prodotto, ma hanno riportato in breve tempo redditività e capacità di investimento, un’inversione di tendenza che ha permesso l’acquisizione di Opel nel 2017 e ha facilitato l’unione con FCA, annunciato alla fine del 2019 e completato quest’anno.

I nuovi motori arriveranno sulle strade brasiliane a metà anno a bordo di diversi veicoli del gruppo, tra cui il primo SUV Fiat e le Jeep Renegade e Compass. Ma Stellantis è stata una delle ultime case automobilistiche a scommettere sui turbo qui, già quasi un must per la competitività commerciale, anche nei segmenti entry-level, e ampiamente sfruttata dalla concorrenza.

Anche così, la crisi del mercato generata dalla pandemia ha causato un ritardo di quasi un anno nel lancio della tecnologia. Nel 2019 l’allora FCA annunciò un investimento di 500 milioni di R $ per la costruzione della nuova linea di motori a Betim, che avrebbe iniziato a funzionare nel 2020 con una capacità produttiva iniziale di 100mila unità all’anno.

L’allora CEO globale di FCA, Mike Manley, che mercoledì ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione come capo di Stellantis nelle Americhe, ha rivelato all’epoca che un contratto con la sede avrebbe garantito l’esportazione di oltre 400.000 motori in Europa entro il 2022, volume che coinvolgerebbe i motori tre cilindri 1.0 e quattro cilindri 1.3 turbo, entrambi in versione flex e benzina – e già prodotti dal gruppo in Cina e Polonia – e unità delle famiglie Fire e Firefly.

La capacità, ora assicura Stellantis, è stata mantenuta e inizia a essere riempita immediatamente con la versione a quattro cilindri. L’importo investito fino ad oggi, tuttavia, è dichiarato in R $ 400 milioni, comprese le risorse dei fornitori. I restanti 100 milioni di R $ saranno investiti nel corso di quest’anno per iniziare a produrre il tre cilindri 1.0, afferma la società.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share