Stellantis estende il blocco della produzione nello stabilimento Jeep

Stellantis ha recentemente annunciato che estenderà le sospensioni di produzione che ha ordinato nel suo stabilimento Jeep di Melfi
stellantis

Il gigante automobilistico Stellantis ha recentemente annunciato che estenderà le sospensioni di produzione che ha ordinato nel suo stabilimento Jeep di Melfi in Italia, fino a martedì prossimo. L’azienda ha deciso di congelare temporaneamente l’assemblaggio dei veicoli in fabbrica a causa della carenza globale di semiconduttori la scorsa settimana.

All’inizio di questo mese, la casa automobilistica francese Renault ha interrotto i lavori in tre sedi a causa del collo di bottiglia dell’offerta. La carenza di chip a livello mondiale, iniziata alla fine del 2020, ha interrotto le operazioni di Ford, General Motors e altri importanti produttori di automobili.

Stellantis ha dichiarato che avrebbe ridotto la produzione nel suo stabilimento di Melfi all’inizio di febbraio in quanto mancava di componenti elettronici fondamentali. Il conglomerato ha dunque temporaneamente sottoposto i suoi 7.174 dipendenti ad uno stop. La società utilizza la struttura per produrre i suoi SUV Jeep Compass e Renegade e il crossover Fiat 500X.

Nello stesso periodo, ha anche ordinato una chiusura di due giorni del suo complesso di assemblaggio di veicoli Fiat di Torino. La casa automobilistica ha successivamente interrotto il lavoro presso i suoi siti di Eisenach, in Germania, e Zaragosa, in Spagna, a causa della crisi dei semiconduttori. Di conseguenza, la sua produzione globale di auto Citroën e Opel è stata ridotta.

Alla fine della scorsa settimana, Stellantis ha appreso che uno dei suoi partner non avrebbe effettuato una consegna programmata poiché non disponeva di materiali sufficienti per completare l’ordine. In risposta, ha esteso il blocco della produzione presso il sito di Melfi fino al 23 febbraio. Il conglomerato ha chiesto al governo italiano di fornire un supporto “con licenza flessibile” fino a marzo, il che gli consentirebbe di riprendere la produzione quando saranno disponibili più scorte di chip.

Anche Renault si è recentemente unita a Stellantis per ridurre la produzione di veicoli a causa della carenza di chip. Il 4 febbraio, la società ha sospeso la produzione in uno stabilimento francese e in altri due siti in Marocco e Romania. Ha affermato che l’interruzione temporanea del lavoro sarebbe durata alcuni giorni, ma ha rifiutato di offrire dettagli.

Il mese prima, la controllata slovena della Renault Revoz aveva annunciato che avrebbe congelato i lavori di assemblaggio dei veicoli. La società ha temporaneamente chiuso il negozio a causa del collo di bottiglia dei semiconduttori che interrompeva la fornitura di componenti elettronici. Prima della sospensione, l’unico produttore di auto del paese dell’Europa centrale produceva 700 auto al giorno.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti
Total
0
Share