Chrysler sarà salvata secondo il Presidente dei concessionari Stellantis

David Kelleher, presidente dello Stellantis National Dealer Council ha espresso la convinzione che Chrysler possa essere salvata
Nuova Chrysler Pacifica
Nuova Chrysler Pacifica

Solo pochi giorni dopo l’annuncio ufficiale della nascita di Stellantis, la quarta casa automobilistica più grande del mondo, è stato confermato che ogni marchio nel suo portafoglio avrà una possibilità per un futuro luminoso. Questo, ovviamente, include anche il famoso marchio automobilistico americano Chrysler, che è probabilmente il marchio più problematico dell’intero gruppo. Tuttavia, la società americana ha sostenitori appassionati all’interno della casa automobilistica appena fondata e sembra che alcuni di loro si emozionino ancora per Chrysler.

David Kelleher, presidente dello Stellantis National Dealer Council ha espresso la convinzione che Chrysler possa essere salvata

David Kelleher, presidente dello Stellantis National Dealer Council, ha recentemente avuto una chat con Automotive News ed ha espresso la sua convinzione che Chrysler possa essere salvata se condivide più piattaforme e tecnologie con il gruppo PSA. Ha anche detto che si sarebbe sentito “violato” se il marchio fosse stato abbandonato del tutto.

“L’intera faccenda è iniziata con Chrysler“, ha detto Kelleher alla pubblicazione. “Non voglio emozionarmi per un marchio, non è così. Ma non voglio vedere un marchio come quello lasciato a bordo campo e buttato al pascolo”. Kelleher ha anche parlato della situazione con la rete di concessionari di Stellantis negli Stati Uniti. Ha detto che i concessionari stanno andando alla grande con il lancio di nuovi showroom incentrati su Jeep. Ma la rete deve migliorare in modo significativo quando si tratta di vendite di auto elettriche. vedremo dunque se davvero il famoso marchio automobilistico americano verrà rilanciato da Stellantis.

Fiat Chrysler Windsor
David Kelleher, presidente dello Stellantis National Dealer Council ha espresso la convinzione che Chrysler possa essere salvata

“In tutta onestà, il produttore dovrebbe avere tutto il diritto di aspettarsi che l’ente del proprio concessionario sia pronto a vendere qualunque cosa costruisca”, ha detto Kelleher a Automotive News . “Quindi, come rete, i nostri concessionari devono diventare molto più bravi di quanto probabilmente siamo ora nella vendita di elettricità. Dobbiamo investire in infrastrutture, formare il nostro personale e adattare i nostri processi”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share