Opel: a fine 2021 le prime auto a idrogeno in produzione a Rüsselsheim

Michael Lohscheller capo di Opel ha confermato che entro fine anno a Russelsheim partirà la produzione dei primi furgoni a idrogeno
Opel
Opel

Michael Lohscheller parla chiaro: Opel ha “passato un periodo difficile” che ormai è alle spalle, ammette l’amministratore delegato del marchio tedesco di Rüsselsheim in un’intervista. “Ci sono state perdite per quasi 20 anni consecutivi”, guarda indietro il 52enne.

Michael Lohscheller capo di Opel ha confermato che entro fine anno a Russelsheim partirà la produzione dei primi furgoni a idrogeno

Prima di allora Opel era alla pari con la sua rivale Volkwagen in termini di vendite, profitti e tecnologia. Molto tempo fa. Come filiale della casa automobilistica statunitense General Motors, in particolare, le cose sono andate drasticamente a peggiorare. Poi la vendita al gruppo PSA (Peugeot, Citroën). E recentemente Opel è diventato uno dei 14 marchi nel nuovo gruppo Stellantis (tra cui Fiat, Chrysler, Alfa Romeo).

Ma Lohscheller vuole attaccare su un ampio fronte. “Ora siamo di nuovo sulla strada della vittoria”, dice. E svela i piani per nuove offensive: per i veicoli a batteria. Ma anche a proposito della cella a combustibile. Ma anche con i classici motori a combustione, per i quali Opel, a differenza di molti concorrenti, non vuole stabilire una data di addio.

A proposito dell’idrogeno ai micrifoni di Business Insider, Lohscheller ha dichiarato: “Nel 2016 abbiamo detto: Opel diventa elettrica. Questo è ancora vero, perché da un lato l’elettromobilità ci aiuta con il problema della CO2. D’altra parte, crediamo che la mobilità elettrica sarà il futuro, soprattutto per i veicoli più piccoli come Corsa o Mokka. Ma ci sono anche segmenti come i veicoli commerciali leggeri in cui l’idrogeno ha ora buone possibilità. Facciamo ricerche lì da 20 anni e vediamo che il bilancio di CO2 dell’idrogeno verde è eccellente. E non dobbiamo dimenticare che i rifornimenti, con la fuel cell puoi farli in tre minuti.”

“Ma ora non concentreremo tutto sull’idrogeno, procediamo in modo selettivo. Con Opel Vivaro, uno dei nostri furgoni, quest’anno stiamo iniziando una piccola serie di celle a combustibile. Più avanti ingrandiremo questa produzione. L’interesse generale è già molto alto. Siamo in contatto con molti clienti che trovano interessanti il ​​rifornimento rapido e l’efficienza economica. Possiamo quindi ben immaginare che la cella a combustibile abbia un futuro, soprattutto nei veicoli commerciali leggeri. D’altra parte, nemmeno in futuro vedrete una cella a combustibile in un’auto piccola come la Corsa.”

“Abbiamo il centro di competenza per lo sviluppo – per tutti i marchi dell’ex Groupe PSA – a Rüsselsheim, perché qui abbiamo la competenza e ottime persone. Per noi piccole serie significa che non dovrebbero esserci meno di mille veicoli all’anno. Un totale di 2.000 veicoli della Opel Vivaro-e e dei suoi modelli gemelli saranno prodotti qui a Rüsselsheim dalla fine del 2021 al 2023. In estate apriremo il registro degli ordini. Ovviamente, come per qualsiasi nuova tecnologia, è chiaro che all’inizio i costi saranno elevati.”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Dodge Durango SRT: trasportare la famiglia nel modo più veloce possibile

SRT: parla Tim Kuniskis

Nei mesi scorsi si è sparsa la notizia del presunto addio alla divisione per veicoli ad altre prestazioni…
Total
0
Share