Opel Vivaro festeggia quest’anno il suo 20 ° anniversario

Opel Vivaro festeggia quest’anno il suo 20 ° anniversario avendo debuttato nel 2021
Opel Vivaro
Opel Vivaro

Opel Vivaro festeggia quest’anno il suo 20 ° anniversario. La prima generazione di veicoli commerciali leggeri Opel di maggior successo è stata presentata in anteprima mondiale nel 2001 al Motor Show di Bruxelles. Ne sono stati prodotti più di un milione, di cui 76.000 da allora hanno trovato un proprietario nei Paesi Bassi. L’attuale e la terza generazione sono subentrate con successo nel 2019. Ora è nata anche la primissima variante elettrica: il Vivaro-e. Nel 2020 è stata nominata International Van of The Year 2021. L’auto aziendale giubilare ha già ricevuto quel titolo nel 2002.

Il primo Opel Vivaro è il risultato di una joint venture tra Opel e Renault. Nel dicembre 1996 i due costruttori di automobili hanno concluso un accordo per lo sviluppo congiunto di un nuovo veicolo commerciale leggero. Grazie alla collaborazione, la casa tedesca è stata in grado di entrare nel segmento del PTT da 3,5 tonnellate entro dodici mesi con Opel Arena, il predecessore del Vivaro. La più grande Opel Movano seguì nel 1999.

Opel e Renault hanno investito ciascuna 700 milioni di euro nello sviluppo e nella produzione del Vivaro. Un modello completamente nuovo è stato reso pronto per la produzione in soli 35 mesi. Renault si è concentrata su aspetto, equipaggiamento e propulsori, mentre Opel era responsabile della creazione della linea di produzione. La produzione del Vivaro e del modello gemello Renault Traffic è stata poi trasferita allo stabilimento IBC Vehicles di Luton, in Inghilterra.

L’aspetto del Vivaro è sempre stato visto come un biglietto da visita. Il design accattivante è stato combinato con funzionalità orientate all’utente e un alto grado di efficienza. “Abbiamo prestato la stessa attenzione allo stile del Vivaro come abbiamo fatto sulle nostre autovetture”, afferma Hans Seer, allora capo del design di Opel. Un dettaglio notevole nel design della prima generazione era il cosiddetto tetto “Jumbo”. Nei Paesi Bassi, il confronto è stato spesso effettuato con il treno intercity “Koploper” della NS. La cupola più alta sopra la cabina aggiungeva spazio per la testa e rendeva più facile entrare e uscire. Questo è un criterio di acquisto importante per gli acquirenti di furgoni leggeri.

Nel 2001, il Vivaro a trazione anteriore è entrato nel mercato con una scelta di due economici motori diesel common rail da 1,9 litri da 59 kW (80 CV) e 74 kW (100 CV), più un brioso 2.0 litri a 16 valvole a benzina motore da 88 kW (120 CV). Poco dopo, seguì un potente diesel common rail da 2,5 litri con 98 kW (133 CV). Il diesel meno potente era collegato a un cambio manuale a cinque marce, tutte le altre versioni del motore avevano un cambio manuale a sei marce. La leva del cambio era a portata di mano e posizionata sulla console centrale per risparmiare spazio.

Il Vivaro si è distinto fin dall’inizio anche per ottime caratteristiche di guida e buona tenuta di strada, paragonabile a quella di un’autovettura. Lo ha notato anche la giuria dell‘International Van of The Year Award (IVOTY) nel suo rapporto sull’assegnazione del titolo al Vivaro e al suo modello gemello Renault Traffic nel 2002.

Con un PTT di 2,7 e 2,9 tonnellate, Opel offrì il Vivaro in più di 20 varianti all’epoca. I clienti potevano scegliere tra passi di 3.098 o 3.498 mm e tra furgone chiuso, combi o telaio / cabina. Il furgone chiuso e il combi a passo corto avevano un volume di carico fino a cinque metri cubi. Nel vano di carico della versione lunga, tre europallet si trovano uno dietro l’altro, con un volume di carico di sei metri cubi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share