Nuova Peugeot 308 e DS 4 – Quali sono le differenze?

Ecco quali sono le principali differenze e i punti di contatto delle nuove Ds 4 e Peugeot 308
Peugeot 308 e DS 4
Peugeot 308 e DS 4

I marchi francesi di Stellantis continuano il rinnovamento della loro gamma. La Citroën C4 ha fatto il suo ritorno per la prima volta alla fine del 2020. Poi abbiamo scoperto nelle scorse settimane le nuove DS 4 e Peugeot 308. Se la Citroën ha un posizionamento generalista chiaro e distinto, le ultime due sembrano molto vicine tra loro. DS è l’azienda premium, ma Peugeot è diventata di alto livello e ora afferma di essere un generalista premium. Tanto che uno può diventare il più grande rivale dell’altro. Alla fine, cosa li differenzia?

Peugeot 308 e DS 4 tornano con un look più esuberante, chiaramente influenzato da Lexus, con ad esempio una carrozzeria ricoperta da tante nervature (menzione speciale alla DS). Se i due cugini vanno nella stessa direzione estetica, è impossibile confonderli. La 308 si distingue quindi per la sua sezione anteriore allungata, che le conferisce una silhouette più sportiva. Il parabrezza è stato tirato indietro, la griglia abbassata. In questa generazione, i fari e le luci sono stati perfezionati. La Peugeot rimane fedele alla spessa vetratura laterale, che si ferma di colpo.

Quella del DS 4 finisce bruscamente, a livello di un quarto di pannello dal design complesso. La DS si ispira al mondo delle coupé, con un tetto che precipita verso una lunetta corta e inclinata. Tra i suoi elementi: le maniglie delle porte a scomparsa, la carrozzeria bicolore e gli enormi cerchi: le versioni top di gamma avranno automaticamente 20 pollici. Peccato che le firme luminose sul frontale siano così simili, con grandi barre LED verticali.

Due cabine, due atmosfere. La DS 4 gioca la carta della presentazione chic e raffinata, la Peugeot 308 punta su un aspetto più sportivo e carico. Troviamo così gli elementi dell’i-Cockpit: strumentazione digitale di altezza, piccolo volante, touch screen orientato. Il tutto in forme spigolose e destrutturate, con fascia di aeratori in altezza.

DS 4 assume un aspetto più classico. Eppure è con lei che avremmo voluto l’originalità, il marchio che si dichiara all’avanguardia. Ma l’organizzazione è classica, con la strumentazione in posizione normale, uno schermo fuso nel cruscotto. L’originalità è nascosta nei dettagli, con prese d’aria laterali spinte nelle porte e prese d’aria centrali nascoste nei comandi. L’obiettivo è avere un cruscotto più leggero, che contrasti bene con quello della Peugeot 308.

I due condividono lo schermo centrale da 10 pollici. Al contrario, la strumentazione digitale del DS 4 è più piccola. Lo compensa con il suo piccolo touch screen da 5 pollici all’estremità del bracciolo, che ti consente di controllare le funzioni senza alzare il gomito. DS è all’altezza del suo posizionamento più esclusivo, con materiali puliti: legno, carbonio forgiato, pelle nappa.

DS 4 annuncia un bagagliaio più generoso, con 430 litri, contro i 412 litri della 308. Primo elemento da notare: nessuno dice stop ai diesel. Ma i due marchi limitano il BlueHDi a una sola soluzione, il 1.5 da 130 CV. È dal lato benzina che sentiremo una differenza di posizionamento. Il DS 4 avrà diritto a PureTech da 130, 180 e 225 CV. La 308 è più accessibile e quindi parte da 110 CV, quindi offre 130 CV.

Questo è l’altro grande punto in comune: entrambi punteranno sull’ibrido plug-in. Troviamo su entrambi i lati la declinazione di 225 CV. Ma la 308 viene annunciata con un secondo plug-in, meno muscoloso (180 CV). Scommettiamo che il DS 4 lo morderà rapidamente. Ultima distinzione su questo capitolo, e non ultima: la DS 4 generalizza il cambio automatico EAT 8. In Peugeot l’EAT 8 sarà optional sui 130 CV e di serie sugli ibridi.

La riprogettazione della peugeot 308 è ovviamente un’opportunità per aggiornare la tecnologia. Ci sono ovviamente elementi noti al giorno d’oggi, come il cruise control adattivo, l’assistenza al mantenimento della corsia e gli abbaglianti automatici. Tra le novità: visione a 360 °, fari Matrix LED e assistenza alla guida più avanzata, con cambio di corsia semiautomatico.

Questo miglioramento nella guida autonoma è condiviso con la DS 4. Ma come marchio premium e fiore all’occhiello tecnologico del gruppo, la DS 4 doveva fare di meglio. Fortunatamente per lei, mantiene l’esclusività di diversi elementi. In particolare, inaugura un head-up display in realtà aumentata, con le informazioni visualizzate come se fossero proiettate sulla strada. Ha anche la visione notturna (curiosamente assente alla Peugeot, mentre la 3008 l’ha appena ricevuta). DS mantiene il privilegio della sospensione pilotata che funziona con una telecamera che scansiona la strada a monte.

308 e DS 4 giocano ciascuna la loro parte in termini di stile e presentazione degli interni. Qualcosa per attirare un pubblico con gusti diversi. Soprattutto, la logica di posizionamento del marchio è rispettata in termini di offerta di motori e tecnologia. Il DS 4 mette di più sui blocchi muscolari e impone il cambio automatico, e mantiene l’esclusività di diverse apparecchiature.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share