Mattia Binotto mette in discussione i controlli fatti in F1

Mattia Binotto spiega il suo punto di vista sulla vicenda Mercedes
Mattia Binotto
Mattia Binotto

Mentre la Red Bull mette in dubbio la legalità del motore Mercedes, Mattia Binotto ha messo in dubbio il motivo per cui il produttore tedesco non ha affrontato lo stesso livello di controllo pubblico della Ferrari.

Nelle scorse settimane, nell’ambito della “battaglia” di parole in corso tra Red Bull e Mercedes, il team austriaco ha chiesto chiarimenti alla FIA sul possibile utilizzo dell’aria circolante nel plenum del propulsore tedesco da mantenere al di sotto delle temperature minime fissate dalla FIA.

Una tale mossa consentirebbe a quei team che utilizzano il motore Mercedes di far funzionare temporaneamente il motore a una temperatura più bassa e quindi beneficiare di un aumento delle prestazioni. Binotto afferma che mentre la domanda sulla Mercedes è stata data poca pubblicità, l’indagine sul motore Ferrari alla fine del 2019 è stata condotta pubblicamente per gentile concessione di una serie di direttive tecniche.

Intervista a Mattia Binotto

Come tutte le squadre e tutti i produttori, cerchiamo di capire cosa stanno facendo i nostri rivali, analizziamo le immagini e guardiamo i dati GPS“, ha detto Mattia Binotto dell’indagine sulla Mercedes. “Avevamo dei dubbi e ne abbiamo discusso con la Red Bull – ho parlato personalmente con Christian Horner – ma non abbiamo presentato domande di chiarimento alla FIA“.

Confrontando la situazione attuale con quella della sua stessa squadra nel 2019, ha detto, secondo Motorsport.com. “Le misure FIA ​​(direttive tecniche) erano necessarie perché c’era chi ha interpretato diversamente i principi del regolamento. E tutto questo non è diverso da quanto accaduto nel 2019. Perché ci sono differenze di comportamenti?” chiese.

Forse allora eravamo troppo esposti ai media e abbiamo subito un attacco dai nostri concorrenti. Ma ormai è un ricordo del passato. Arrivare al tipo di tono usato nel 2019 è ancora sbagliato”, ha ammesso. “Ma penso che sia importante sottolineare che quello che è successo allora non è diverso da quello che sta accadendo ora, ed è sempre successo in Formula 1“.

Naturalmente, i risultati della famigerata indagine sui limiti del flusso di carburante nel 2019 non sono mai stati resi pubblici, la FIA ha raggiunto polemicamente un accordo “segreto” con il produttore italiano, una mossa che ha suscitato scalpore tra i team rivali. Mentre la FIA ha sostenuto che il motivo per cui i risultati non sono stati resi pubblici era perché nulla poteva essere dimostrato, il drammatico calo delle prestazioni alla fine del 2019, che è continuato per gran parte del 2020, ha detto a tutti tutto ciò che dovevano sapere.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share