Jérôme Gautier: “Citroën ha la fortuna di avere una rete solida”

Jérôme Gautier, direttore commerciale di Citroën France elogia la rete di vendita del marchio in Francia
Citroen
Citroen

Mentre il mercato automobilistico francese ha subito un calo storico del 25,5% nel 2020, con 1,65 milioni di unità vendute, Citroën ha sottoperformato il mercato con 162.688 immatricolazioni, un calo del 30,8%. Evocando un aspetto da “montagne russe” per quest’anno così speciale, Jérôme Gautier, direttore commerciale di Citroën France indica che dopo la chiusura di emergenza degli stabilimenti durante il 1 ° contenimento, il produttore “si è trovato in carenza in poche settimane” dopo la ripresa delle attività a metà maggio. “Dal 2 ° semestre, ha proseguito, abbiamo passato il resto dell’anno con grosse difficoltà.

Nel complesso, Jérôme Gautier attribuisce le scarse prestazioni 2020 di Citroën a due fattori principali. In primo luogo, spiega che “il mercato del noleggio a breve termine è stato dimezzato” e che il produttore è uscito “abbastanza veloce e forte da favorire altri canali”. Su questo canale, il marchio di Chevron ha venduto 10.769 unità nel 2020, ovvero – 53,8% contro – 46,7% per tutti i produttori. “Comunque non avevamo macchine”. Pertanto, il direttore del marchio indica che Citroën ha avuto problemi con gli ordini a seguito della chiusura degli stabilimenti. Il ritardato lancio della nuova C4, che ha causato un “gap di offerta tra C4 Cactus e C4 nell’ultimo trimestre”, ciò ha quindi ostacolato le vendite del produttore, così come la “difficoltà nel produrre C3”. Per questo Citroën ha perso il 31,4% sul singolo canale contro una media del 21,1%.

Jérôme Gautier, però, si ritiene soddisfatto del livello degli ordini ricevuti a fine dicembre 2020, superiore a quello osservato a fine 2019. Indica inoltre che la situazione ha permesso di “lavorare” su alcuni aspetti fondamentali, in particolare la soddisfazione del cliente “. Pertanto, si congratula con se stesso, “usciremo dal 2020 non completamente soddisfatti dei nostri volumi ma con un portafoglio ordini completo, una soddisfazione dei clienti a un livello molto buono e un’immagine che sta migliorando, ovvero una buona base per iniziare il 2021”.

Nel 1 ° trimestre, Citroën ha riguadagnato terreno con “un buon livello di ordini, soprattutto per i privati”. Con 45.434 immatricolazioni, la sua quota di mercato è scesa al 10,3% nelle autovetture contro meno del 10% nel 2 °, 3 ° e 4 ° trimestre del 2020. Cumulando le immatricolazioni di autovetture e veicoli commerciali leggeri, ovvero 63 662 unità, la quota di mercato del produttore hanno raggiunto 11,3% nel 1 ° trimestre del 2021 contro meno del 11% dello scorso anno.

In questo contesto, Jérôme Gautier è lieto di poter contare sui suoi distributori. “Citroën ha la fortuna di avere una rete solida” perché, dice, “è ben consolidata”, mentre negli ultimi 20 anni è stato fatto molto lavoro”Per solidificare l’intera struttura” . La rete Citroën “è in equilibrio, non ha fatto soldi ma non ne ha persi” . Insistendo sulla resilienza di questa rete, che contava 399 punti vendita a fine 2020 contro 413 a fine 2019, nonché 1.601 agenti contro 1.626 a fine 2019, indica che il marchio “lo ha sostenuto finanziariamente in il periodo più difficile, in particolare per il trasporto delle scorte”. Tuttavia, ciò non impedisce al malcontento di aumentare.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share