Citroen nel 2021 batterà tutti i record in Turchia

Il direttore generale di Citroën Turchia Selen Alkım ha sottolineato che nonostante pandemia e crisi dei chip la casa francese batterà il suo record in Turchia
Citroen
Citroen

Parlando al lancio della nuova Citroën C4 in Turchia, il direttore generale di Citroën Turchia Selen Alkım ha sottolineato che nonostante le condizioni di pandemia e la crisi dei chip, mantengono il loro obiettivo di vendita di 40 mila unità per il 2021, e ha detto: “Diciamo che con questa auto, Citroën raggiungerà le più alte prestazioni di vendita in Turchia. Pertanto, avremo raggiunto una crescita di 3,2 volte maggiore nel confronto con il periodo 2018-2021 ” ha dichiarato.

La pianificazione degli acquisti effettuata all’inizio dell’anno giocherà un ruolo importante nel raggiungimento di questo obiettivo del marchio francese all’interno del Groupe PSA in Turchia. A differenza degli anni precedenti, quest’anno il marchio ha ordinato veicoli al di sopra delle aspettative del mercato.

Alkım ha dichiarato: “Quando abbiamo determinato la nostra strategia per il 2021 all’inizio dell’anno, avevamo previsto che il mercato totale sarebbe stato di circa 700 mila auto. Tuttavia, come Groupe PSA, abbiamo fatto la nostra pianificazione secondo un quadro più ottimistico, come in Opel e Peugeot. Pertanto, pur prevedendo un mercato di 700 mila unità, abbiamo effettivamente pianificato la nostra fornitura per un mercato di 800-850 mila auto. Di conseguenza, abbiamo fissato un obiettivo di vendita di 40 mila unità per il 2021. Quando guardiamo al primo periodo di 4 mesi, abbiamo realizzato un numero di vendite compreso tra 9.500 e 10.000 e abbiamo raggiunto il 25% del nostro obiettivo di fine anno.

Selen Alkım ha dichiarato che Citroen in Turchia è stata meno colpita dalla crisi dei chip, che ha causato molti problemi nell’industria automobilistica globale, e ha dichiarato: “Ci siamo fermati anche noi a causa del chip. Se non fosse per il problema del chip, avremmo potuto vendere di più. Ci sono stati alcuni malfunzionamenti e ritardi nella produzione. Ma non abbiamo avuto nessuna versione, motore o modello che ha dovuto interrompere la produzione.”

“Il nostro modello C3 Aircross è stato leggermente più colpito dalla crisi dei chip. Tuttavia ci sono stati alcuni ordini per la C3 Aircross, la produzione non si è fermata a causa della crisi dei chip, ma ci sono stati alcuni ritardi nella produzione. C’erano ordini dei clienti, era stato concordato un certo prezzo. Per non vittimizzare in alcun modo questi clienti, abbiamo effettuato le nostre consegne quando i veicoli sono arrivati ​​ai nostri clienti al prezzo concordato, nonostante l’aumento del tasso di cambio “.

Sottolineando il fatto che ci sono organizzazioni di rivenditori che coprono sempre di più la Turchia oltre alla soddisfazione del cliente che si avvicina al 100 per cento nell’aumento delle vendite del marchio Citroen, Alkım ha dichiarato: “Nel 2019, quando abbiamo acquistato per la prima volta il marchio, la nostra organizzazione totale di rivenditori era solo 59 per cento della copertura della Turchia in generale, oggi ci troviamo di fronte a un tasso di copertura del 92 per cento. Serviamo i nostri clienti con 51 rivenditori autorizzati. Molti nuovi investitori stanno attualmente facendo domanda per diventare concessionari Citroën. Nel 2021 avremo completato questi 51 concessionari autorizzati con 58 concessionari autorizzati”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share