Jeep: lo stabilimento a Belvidere ha chiuso per carenza di chip

Lo stabilimento di Belvidere chiuderà temporaneamente per mancanza di chip
Jeep: lo stabilimento a Belvidere ha chiuso per carenza di chip
Jeep: lo stabilimento a Belvidere ha chiuso per carenza di chip

La carenza globale di chip che ha colpito l’industria automobilistica lunedì ha costretto alla chiusura per diverse settimane lo stabilimento di assemblaggio di Jeep a Belvidere e altri quattro stabilimenti di Stellantis negli Stati Uniti, Canada e Messico.

Gli stabilimenti interessati producono camion, SUV, minivan e berline ad alta potenza, evidenziando l’ampia perturbazione che il settore deve affrontare. La società, nata dalla fusione all’inizio di quest’anno di Fiat Chrysler Automobiles e Peugeot PSA Group, ha confermato la notizia venerdì pomeriggio.

Gli arresti imprevisti includono uno stabilimento di assemblaggio a Belvidere che produce il SUV Jeep Cherokee, insieme a stabilimenti in Michigan, Canada e Messico. La chiusura dei cinque stabilimenti interesserà direttamente più di 18.300 lavoratori e un numero imprecisato di fornitori e dei loro dipendenti.

Ci sono circa 3.600 dipendenti che lavorano su due turni nello stabilimento di Belvidere, ha detto al Chicago Tribune la portavoce dell’azienda Jodi Tinson. I lavoratori riceveranno una combinazione di disoccupazione statale e benefici supplementari durante la chiusura dell’impianto, ha spiegato.

Jeep: stabilimento chiuso a Belvidere, che succederà?

La società, in una dichiarazione fornita da Tinson, ha detto che stava lavorando per mitigare la situazione e che la “carenza globale di microchip senza precedenti” avrebbe interrotto la produzione negli stabilimenti da inizio a metà aprile.

Stellantis continua a lavorare a stretto contatto con i nostri fornitori per mitigare gli impatti di produzione causati dai vari problemi della catena di approvvigionamento che il nostro settore deve affrontare“, afferma il comunicato. Unifor Local 444, in un post di Facebook giovedì sera sullo stabilimento di Windsor, ha esortato i lavoratori a prendere indicazioni dal loro supervisore.

Il sindacato ha saputo che la carenza di microchip che paralizza quasi tutte le case automobilistiche sta ora avendo un impatto su di noi qui allo stabilimento di Windsor. A causa della carenza, il nostro impianto sarà fermo per le prossime quattro settimane a partire da lunedì 29 marzo“, secondo il messaggio del sindacato.

I lavoratori rappresentati dalla UAW a Belvidere sono stati informati in una e-mail giovedì sera che “se non avvisati dal loro dipartimento, tutta la produzione, i mestieri specializzati e le operazioni di stampaggio” sarebbero stati chiusi per tre settimane, a partire da lunedì.

La notizia a Windsor ha suscitato un’ondata di commenti sul post di Facebook, la maggior parte chiedendo in che modo la chiusura avrebbe influenzato il tempo libero dei dipendenti, ma anche alcuni che mostravano eccitazione per la prospettiva di una pausa inaspettata.

Le notizie sui problemi di produzione che Warren Truck deve affrontare sono emerse all’inizio della settimana. A quel punto, la società ha detto che stava trattenendo i pickup non finiti nello stabilimento fino a quando le parti non sarebbero state disponibili.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share