L’inizio della fine di Opel in Germania: cosa cambia per il costruttore con la fusione in Stellantis?

Per Opel inizia un periodo di crisi per quanto riguarda i lavoratori in Germania. Ecco cosa sta succedendo
L'inizio della fine di Opel in Germania: cosa cambia per il costruttore con la fusione in Stellantis?
L’inizio della fine di Opel in Germania: cosa cambia per il costruttore con la fusione in Stellantis?

Quando a gennaio è stata annunciata la fusione della società madre di Opel, PSA, con Fiat-Chrysler Automobiles (FCA), che ha lanciato Stellantis come quarta casa automobilistica al mondo, il World Socialist Web Site ha scritto:

La fusione da 43 miliardi di euro, annunciata per la prima volta nel 2019, avrà conseguenze di vasta portata in tutta l’industria automobilistica e preannuncia un assalto intensificato ai posti di lavoro dei lavoratori a livello internazionale…”

Questo è esattamente ciò che sta accadendo ora. La decisione del capo di Stellantis, Carlos Tavares, di smantellare la rete Opel e trasformare gli stabilimenti Opel di Eisenach e Rüsselsheim in società indipendenti ha lo scopo di accelerare i tagli di posti di lavoro e gli attacchi ai benefici e alle condizioni di lavoro e avviare la graduale chiusura degli impianti. La decisione è diretta non solo contro i lavoratori Opel. È collegato a massicci attacchi ai dipendenti delle case automobilistiche e dei fornitori di componenti in tutta Europa e nel mondo.

Martedì scorso, durante una riunione del consiglio di sorveglianza, il capo della VW Herbert Diess ha annunciato l’eliminazione di 30.000 posti di lavoro. Il boss di Ford Germania Gunnar Herrmann ha dichiarato che lo stabilimento Ford di Saarlouis è sul punto di chiudere e ha un futuro solo se i dipendenti sono disposti a fare concessioni di vasta portata.

I problemi delle multinazionali. Opel ne è una vittima?

In vista della crescente concorrenza sul mercato automobilistico globale e della pressione degli azionisti per rendimenti sempre più elevati, il management vuole esaminare da vicino tutte le aree dell’azienda, imporre ristrutturazioni, ridurre gli standard sociali e imporre salari bassi.

Con l’aiuto dei sindacati, i lavoratori di una sede vengono già messi a confronto con i lavoratori di altre sedi. Sono stati annunciati lavori a orario ridotto per tre mesi presso l’impianto di assemblaggio di Eisenach, che è ampiamente inteso come un primo passo verso la chiusura totale dell’impianto. La carenza globale di semiconduttori è stata invocata come pretesto, mentre la produzione è stata trasferita a Sochaux in Francia, dove i lavoratori devono lavorare a turni il sabato non retribuiti.

Un portavoce di Opel ha spiegato a Handelsblatt che il problema principale negli stabilimenti di Eisenach e Rüsselsheim è “implementare soluzioni più efficienti in loco“, un eufemismo piuttosto trasparente per la distruzione dei diritti e dei benefici dei lavoratori. Si tratta di condizioni salariali e condizioni concordate collettivamente per le quali generazioni di lavoratori hanno combattuto. Queste includono le pensioni aziendali, che sono sotto attacco da un anno alla Opel. La direzione desidera da tempo abbassare le pensioni e passare a un sistema finanziato dai dipendenti.

Quella che viene celebrata come una grande innovazione tecnologica nella direzione della “guida a emissioni zero” è in realtà la copertura per la distruzione del principale stabilimento Opel. Centinaia di lavoratori temporanei sono già stati licenziati e circa 1.000 posti di lavoro sono stati tagliati a causa di licenziamenti “volontari”. Di volta in volta, la produzione viene interrotta da lavori a orario ridotto e viene svolta per mesi alla volta con un solo turno. La fucina e l’impianto di produzione degli ingranaggi sono stati chiusi, il che da solo è costato oltre 200 posti di lavoro.

Stellantis, la goccia che ha fatto traboccare il vaso?

Quando si è fusa con FCA a gennaio, PSA ha annunciato che avrebbe risparmiato 5 miliardi di dollari all’anno. A quel tempo, Tavares voleva “concentrarsi sull’utilizzo delle sinergie e sull’aumento della competitività sin dal primo giorno“. Questo viene ora implementato passo dopo passo.

I posti di lavoro sono a rischio non solo a Eisenach e Rüsselsheim, ma anche a Kaiserslautern, dove finora sono stati costruiti motori diesel e benzina. I circa 1.400 posti di lavoro Opel sono tutt’altro che sicuri.

Lì verrà costruito un nuovo impianto di celle per batterie, ma non è affatto certo che i lavoratori esperti di Opel troveranno lavoro. Stellantis ha già fondato una società congiunta con Total-Energies, denominata Automotive Cells Company (ACC), per la produzione di batterie. Mercedes-Benz partecipa anche all’ACC, già operativo in due sedi francesi, a Bordeaux ea Nersac.

Stellantis ha anche annunciato la costruzione di un impianto di batterie in Italia e ha ricevuto impegni di sovvenzione dal governo italiano. John Elkann, erede della dinastia miliardaria italiana Agnelli (Fiat, Alfa Romeo, Maserati, Lancia, Abarth), è presidente del consiglio di sorveglianza del Gruppo Stellantis.

Anche il management considera troppo elevato il costo di produzione in Italia. L’anno prossimo, la versione elettrica della Maserati sarà trasferita da Grugliasco allo stabilimento principale di Mirafiori (Torino). Nella città di Melfi, nel sud Italia, due linee di produzione verranno accorpate in un’unica, senza alcuna indicazione di quanti posti di lavoro andranno persi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share