Il nuovo capo di Citroen sul futuro del marchio

Nel corso di un’intervista Vincent Cobee numero uno di Citroen ha parlato del futuro della casa automobilistica francese
Citroen
Citroen

Vincent Cobee è l’attuale capo di Citroen, un ex capo di Mitsubishi e Datsun e finora ha goduto di una carriera molto importante, guadagnandosi riconoscimenti accademici e aziendali ad ogni passo. Forse ancora più cruciale, il 52enne francese è una specie di filosofo, con un acuto senso di conquistare il suo pubblico.

Nonostante abbia preso il posto di vertice nel gennaio 2020, e quindi affrontando un battesimo che forse solo nelle epoche di guerra poteva essere peggiore, Cobée ha una visione dominante su tutto, dalle lotte di oggi alle potenziali interruzioni di domani. Nella sua certezza, è molto simile al suo capo, Carlos Tavares. Sullo scopo di Citroen è chiaro – o, per usare una parola che usa spesso lui stesso, militante: “Non credo nella corsa per aggiungere più equipaggiamento, per aggiungere più autonomia, per aggiungere in definitiva più peso. Voglio che costruiamo auto con coraggio che soddisfino un bisogno e si concentrino sul continuare a fornire la libertà di mobilità, e questo include l’accessibilità del prezzo”.

A proposito dell’accattivante Ami, si sforza di descriverlo come “solo un’espressione di Citroen”. La filosofia che esprime è fondamentale: “La mobilità ti dà la vita, eppure stiamo entrando in un mondo in cui sarà limitata. Il costo del trasporto sta per diventare un vincolo. Lo vediamo come un fattore scatenante dell’innovazione. Non eccentrico e occasionalmente di successo. Dobbiamo portare soluzioni a problemi reali”. La nuova C5, allo stesso tempo SUV, berlina e station wagon, è un esempio di questa filosofia. “Non ci sentiamo obbligati a ripetere ciò che abbiamo fatto in passato”, spiega Cobée. “Alcuni colleghi del settore sono all’ottava generazione della stessa macchina; preferiamo evolvere con la situazione in cui ci troviamo. Il C5X è fluido, elegante e fluido, non un SUV ingombrante”

Un altro è la Nuova C3, una supermini per i mercati emergenti che incarna l’elegante frugalità che è destinata a essere un segno distintivo di Citroën. “Stiamo affrontando molti altri mesi di crisi: crisi economica, debito nazionale, sconvolgimenti globali, carenza di risorse, inflazione, instabilità politica e ambientale”, afferma Cobée. “La risposta è una mobilità pulita individuale a prezzi accessibili. Una city car elettrica da 80.000 sterline? È pulito ma non economico.”

Ti potrebbe interessare: Citroën Ami festeggia 1 anno di successi

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share