Ferrari come con Giovinazzi fa bene a far aspettare i suoi piloti junior

Ferrari crede che non ci sia nulla di male se i suoi piloti junior debbano aspettare a lungo prima di una promozione in Formula 1
Antonio Giovinazzi
Antonio Giovinazzi

Ferrari crede che non ci sia nulla di male se i suoi piloti junior debbano aspettare a lungo prima di una promozione in Formula 1. Con il capoclassifica Mick Schumacher destinato a passare dalla F2 alla F1 il prossimo anno con Haas, la Ferrari rimarrà con almeno tre giovani ancora nella categoria.

Il rivale del titolo F2 di Schumacher, Callum Ilott, ha confermato lunedì che non si sarebbe trasferito in F1 il prossimo anno dopo aver perso un posto in Haas, con il team che ha annunciato martedì di aver scelto Nikita Mazepin.

La Ferrari ha anche il quattro volte vincitore della gara di F2 Robert Shwartzman e l’ex rivale del titolo di F3 Marcus Armstrong nella serie. Ferrari ha spesso minimizzato che ci fossero problemi con così tanti piloti in F2, e in Bahrain, il suo direttore sportivo di F1 Laurent Mekies ha detto che il fatto che solo uno del suo gruppo si sarebbe spostato in F1 nel 2021 non era una brutta cosa.

“La difficoltà principale di quell’attività accademica è trovare i talenti e farli crescere”, ha spiegato Mekies. “Quando hai dei talenti, anche se all’improvviso ne hai forse troppi allo stesso tempo, è una buona cosa da gestire.

“Nessuno sta dicendo che devi averli tutti allo stesso tempo e siamo fortunati ad essere in una posizione in cui possiamo offrire loro programmi per evolversi. “Anche se non abbiamo abbastanza posti in F1, siamo riusciti ad esempio con Antonio Giovinazzi in passato. E ha funzionato abbastanza bene, con il pilota italiano che nel 2021 correrà la sua terza stagione in F1.”

Giovinazzi è diventato affiliato alla Ferrari alla fine del 2016 dopo essere arrivato secondo dietro a Pierre Gasly in GP2, ma ha dovuto aspettare fino al 2019 per assicurarsi un posto a tempo pieno in F1 con l’Alfa Romeo, avendo fatto due apparizioni con la squadra quando era conosciuta come Sauber avendo sostituito l’infortunato Pascal Wehrlein nel 2017.

Se Ilott battesse Schumacher per il titolo di F2, gli sarebbe vietato tornare in serie per il terzo anno. Sia Shwartzman che Armstrong rimarranno nella categoria per il 2021, anche se i loro piazzamenti in squadra rimangono non confermati.

Mekies ha detto di essere rimasto impressionato dai miglioramenti che Schumacher, Ilott, Shwartzman e Armstrong hanno mostrato durante la stagione 2020 di F2, con il primo trio che si trova tutti tra i primi quattro in classifica. Armstrong è 12 °, con due podi a suo nome.

“Stanno davvero facendo un ottimo lavoro. Siamo molto contenti di questo, la velocità non mente”, ha aggiunto Mekies. “Callum e Mick sono stati sempre molto veloci. Ma se guardi i ragazzi subito dietro, Marcus è stato nel mix per tutto il weekend con loro, Robert non molto indietro.

“Siamo molto contenti della loro progressione, ed è un piacere vederli lottare in prima fila. È facile da guardare dalla nostra prospettiva. Sono sicuro dal loro punto di vista, ci sono sempre meno incentivi ad essere amici, ma man mano che il divario tra loro si riduce, ma sarà fantastico, le due gare rimaste che sono sicuro che guarderemo tutti”.

Ti potrebbe interessare: Giovinazzi: “Sono un grande sostenitore di 3 Gran Premi in Italia nel 2020”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share