Ecco la caratteristica che tutte le Ferrari condividono dal 1948

Ferrari
Ferrari

Uno dei compiti più complessi nel design automobilistico è l’integrazione delle caratteristiche di design abituali del marchio nei nuovi modelli. Quelle linee o elementi che di solito sono presenti in tutti i modelli dello stesso produttore e che fanno parte dell’identità visiva del marchio. Tra i più famosi e per citarne alcuni possiamo segnalare il nodo Hofmeister di BMW, la griglia a ferro di cavallo di Bugatti o il tetto a doppia bolla di tutti i modelli Zagato.

Caratteristiche ben note che sono presenti praticamente in tutti i modelli di queste aziende. Tuttavia, ne troviamo anche alcuni la cui presenza è molto più discreta e involontaria, nonostante siano stati utilizzati per decenni dai rispettivi marchi. La Ferrari è una delle case produttrici che dà più importanza alla sua eredità storica, motivo per cui si affida costantemente o trae ispirazione dai modelli più famosi del suo passato.

Quindi non sorprende che utilizzi regolarmente caratteristiche ed elementi di design dei modelli precedenti, come le prese d’aria laterali delle versioni GTO, le luci posteriori circolari o le sue onnipresenti ruote a forma di 5 stelle. Tutti elementi caratteristici dei modelli del marchio italiano da molti anni, ma che non sono realmente presenti nella stragrande maggioranza dei modelli prodotti dalla Ferrari nei suoi oltre 70 anni di storia.

Ma cosa hanno in comune modelli così diversi come la Ferrari 340 America, la Ferrari 288 GTO e la nuova Ferrari Roma? Molti risponderanno gli emblemi e poco altro, dal momento che questi tre modelli non condividono le caratteristiche che descriviamo poche righe sopra, ma la verità è che tutti loro hanno un elemento che è passato inosservato dalla stragrande maggioranza dei fan per di più 70 anni, la griglia rettangolare o come la chiamano gli anglosassoni, la “griglia per uova” o “cartone per uova”.

Sebbene l’azienda abbia utilizzato varie varianti di questo elemento, la verità è che la stragrande maggioranza dei modelli stradali e alcuni modelli da circuito dell’azienda di Maranello hanno avuto questa caratteristica di design sin dalla nascita del marchio Enzo Ferrari.

Nonostante il rapporto di lunga data con Pininfarina, l’allestitore responsabile del design della stragrande maggioranza dei modelli stradali di Maranello, la verità è che questa caratteristica è stata opera della Carrozzeria Touring, che l’ha implementata nel primo ordine ricevuto da Enzo Ferrari, la Barchetta Ferrari 166 MM Touring di successo nel 1948 . Questa caratteristica è stata riutilizzata in quella che è considerata la prima Gran Turismo prodotta dall’azienda italiana, la Ferrari 166 Inter, anch’essa progettata da Touring e presentata nel 1949.

I progettisti Touring si sono limitati a realizzare una griglia molto semplice, composta da sottili lamelle metalliche che disegnano la caratteristica maglia rettangolare, in contrapposizione alla grossa griglia a lamelle orizzontali delle Ferrari 125 S e 159 S, considerate le prime vere. Ferrari della storia – se escludiamo l‘Auto-Avio Costruzioni Tipo 815 del 1940. Questo design della griglia è stato utilizzato quasi immediatamente sulle griglie di tutti i modelli che portavano l’emblema del cavallo rampante , comprese le bestie da corsa come la Ferrari 500 Mondial, le vetture di Formula 1 del marchio degli anni Cinquanta o la Ferrari 750 Monza, solo per citarne alcune.

Da allora e indipendentemente dall’allestitore responsabile, praticamente tutti i modelli del marchio hanno avuto una griglia anteriore che ripete o interpreta il design originale della Carrozzeria Touring. Sono state pochissime le auto sportive o GT in uscita da Maranello che non hanno avuto questo elemento, come nel caso della Ferrari 250 GTO , della Ferrari F40 o della Ferrari Enzo , solo per citarne alcune.

Ti potrebbe interessare: In vendita la Ferrari F355 Spider di Shaquille O’Neal

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
3
Share