Ferrari

Binotto: nessuna squadra è stata controllata quanto la Ferrari

Binotto

Il capo della Ferrari Mattia Binotto afferma che la raffica di direttive e controlli tecnici di fine stagione hanno dimostrato che la centralina di Formula 1 2019 di riferimento del suo team era legale per tutta la stagione. Il CEO del marchio italiano Louis Camilleri ha ammesso la sua delusione per le speculazioni che hanno guastato la fine della stagione per la sua squadra. Ha dichiarato: “La Ferrari è conosciuta in tutto il mondo e siamo in borsa. L’integrità e la regolarità sono fondamentali per noi. Penso che le persone dovrebbero tenerne conto quando creano tali sospetti. ”

Ma secondo il capo del team Binotto, tutta l’attenzione era sul motore della Scuderia di Maranello, “Se guardiamo all’intera stagione, probabilmente non c’era nessun team che è stato controllato spesso quanto la Ferrari, sia prima che dopo le direttive tecniche. Se hai un vantaggio in termini di prestazioni, vai al microscopio, ma tali test sono normali e sono anche validi perché sottolineano che la tua auto è legale. Non abbiamo mai cambiato il modo in cui abbiamo usato il motore nell’ultima parte della stagione. Il nostro motore era legale in ogni momento. “

Binotto insiste sul fatto che anche le polemiche sul finale della stagione di Abu Dhabi, in cui la Ferrari ha erroneamente dichiarato il carico di carburante di Charles Leclerc ed è stata multata per 50.000 euro, non è la prova di un illecito, “Ci sono state molte misurazioni prese prima di Abu Dhabi, ed erano sempre corrette. Solo una volta abbiamo avuto torto e abbiamo scoperto la discrepanza solo quando abbiamo ricevuto il documento dopo la gara. A questo punto, non era più possibile controllarlo perché il carburante è stato utilizzato. Quello che è successo rimane un mistero per noi “, ha spiegato il capo squadra.

Notizie Correlate
Ferrari

Arthur Leclerc approda alla FDA

Ferrari

Ferrari: "L'impegno di promuovere le donne pilota non è solo marketing"

Ferrari

Leclerc fa paracadutismo di segreto

Ferrari

Leclerc: "Mi piacerebbe provare la MotoGP, ma non sono sicuro che la Ferrari accetterebbe"