Alpine, Alfa Romeo e Red Bull dovranno modificare l’alettone posteriore

A causa di un cambiamento nei regolamenti dal 15 giugno Alpine, Alfa Romeo e Red Bull dovranno modificare l’alettone posteriore
Alfa Romeo Racing
Alfa Romeo Racing

Dopo le dichiarazioni di Lewis Hamilton a Barcellona, ​​si è creato un enorme scalpore a causa delle ali posteriori flessibili. Successivamente la FIA ha inviato una lettera alle squadre annunciando nuovi test di deflessione a partire dal 15 giugno. Sebbene il sette volte campione abbia preso di mira direttamente il suo più grande rivale, la Red Bull, sembra che il team degli energy drink non sarà il più colpito dagli ultimi cambiamenti. Sia Alpine che Alfa Romeo utilizzano la deflessione dell’ala posteriore ad alta velocità per migliorare le prestazioni.

Non che l’alettone posteriore deviato stia infrangendo le regole, come ha spiegato Christian Horner, la sua macchina ha superato tutti i test FIA fino ad oggi. Ma il regolatore di F1 ha deciso di introdurre una definizione più precisa in una zona grigia del regolamento.

“Questa è una vecchia storia. Durante i nostri anni nel Campionato del Mondo, penso che abbiamo dovuto ritoccare le ali anteriori due o tre volte a stagione “, ha spiegato Helmut Marko quando gli è stato chiesto delle ali in un’intervista a Motorsport Magazine.

“La FIA redige il regolamento e le squadre cercano di utilizzarlo nel miglior modo possibile. Ma questo non riguarda solo la Red Bull, ma anche le altre squadre saranno ugualmente colpite”, ha aggiunto il consigliere Red Bull. “Supponiamo che sia possibile che dobbiamo apportare piccole modifiche in relazione all’interpretazione che viene, è diversa dalla precedente”.

Marko ammette di aver sfruttato appieno le normative vigenti, ma a partire dal 15 giugno avrà una tolleranza del 20% e ritiene che “le altre vetture saranno più colpite”. Anche se non sapeva come definire quanto sarebbe stato il costo della prestazione, è chiaro che non sarà decisivo per la lotta per il campionato.

Come misura per le squadre per gestire questo cambiamento, la FIA stabilisce due scadenze, la prima del 15 giugno e la seconda un mese dopo dove la flessibilità dell’ala posteriore dovrà essere completamente eliminata, ma Helmut Marko è molto calmo con questo problema.

“Dobbiamo verificare fino a che punto non siamo in questa tolleranza, direi che non è decisiva per il Mondiale”, ha confermato Marko. “Non so esattamente quanti tecnici abbia la FIA, ma sicuramente meno di qualsiasi team di F1. Devono affrontare un esercito di ingegneri altamente qualificati”.

“Alcuni cercano di rendere le normative il più compatibili possibile, mentre altri cercano di aggirarle nel modo più ottimale possibile ma rimanendo pur sempre all’interno della legalità. In questo senso, non ci sono intenzioni dannose da nessuna delle parti “, ha aggiunto il dirigente della Red Bull.

Ti potrebbe interessare: Vasseur incoraggiato dal “decente passo di prestazione” dell’Alfa Romeo in F1 2021

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share