Alfa Romeo: nuovo stop per la produzione di Giulia e Stelvio

Ecco gli ultimi aggiornamenti sulla produzione a Cassino
Alfa Romeo Cassino

Si ferma ancora lo stabilimento Stellantis di Cassino, sede di produzione delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio. Il sito laziale ha registrato un inatteso stop produttivo nel corso della giornata di ieri, 1° ottobre, e resterà fermo anche lunedì 4 ottobre, prolungando così l’interruzione delle attività. Da notare che, al momento, resta sul tavolo l’ipotesi di un ulteriore prolungamento dello stop produttivo per il sito di Cassino.

La nuova fermata delle attività a Cassino riguarda le linee dell’Alfa Romeo Giulia e dell’Alfa Romeo Stelvio. Alla base del problema c’è una nuova carenza di componenti. Questa volta, però, non è solo la crisi dei chip l’unica causa della fermata produttiva. Le attività produttive si sono fermate anche a causa della carenza di altri componenti, necessari all’assemblaggio del motore delle vetture di casa Alfa Romeo.

Come anticipato in precedenza, al momento è prevista una ripartenza delle attività per il prossimo 5 di ottobre. Tale data verrà confermata soltanto ad inizio della prossima settimana. Stellantis, infatti, potrebbe decidere di prolungare le attività per accumulare i componenti necessari al completamento delle attività produttive in modo da poter riprende la produzione a ritmo più elevato.

Ricordiamo che, prima dell’aggravarsi della crisi dei chip, la produzione di Giulia e Stelvio a Cassino è andata avanti su di un turno di lavoro giornaliero. Stellantis, tramite il ricorso agli ammortizzatori sociali, ha tagliato circa il 30% della produzione mensile prevista per Cassino. Il taglio, nei mesi scorsi, è stato legato alle poche richieste in arrivo dal mercato per i due modelli di Alfa Romeo.

Alfa Romeo Cassino

Il futuro di Cassino passa per il Maserati Grecale

Alfa Romeo, con i suoi due modelli, potrà dare un contributo limitato al futuro dello stabilimento di Cassino. L’impianto produttivo laziale punta tutto sul Maserati Grecale. Il nuovo D-SUV, basato su piattaforma Giorgio, farà il suo debutto ufficiale sul mercato entro la fine dell’anno (la presentazione è fissata per la metà di novembre). Il lancio commerciale internazionale si completerà entro il primo trimestre del 2022.

Secondo le prime previsioni, il Maserati Grecale non sarà sufficiente a colmare le capacità produttive di Cassino. Lo stabilimento dovrà continuare a fare i conti con gli ammortizzatori sociali. Il lancio del Grecale, però, consentirà un netto taglio alla cassa integrazione ed una notevole crescita delle attività produttive, con un nuovo turno di lavoro che si affiancherà a quello giornaliero dedicato a Giulia e Stelvio, occupando parte degli esuberi giornalieri previsti.

Se la crisi dei chip non rallenterà le attività sulla linea del Maserati Grecale, lo stabilimento di Cassino dovrebbe registrare a breve una netta crescita delle attività produttive. Maggiori dettagli emergeranno nel corso delle prossime settimane. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
2
Share