Alfa Romeo spiega il motivo per cui ha rinnovato la partnership con Sauber

Alfa Romeo spiega il motivo per cui la partnership con Sauber è lunga ma con possibilità di accordarsi annualmente
Alfa Romeo Racing
Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo ha annunciato mercoledì di aver firmato una nuova partnership pluriennale per mantenere il proprio marchio in F1, con l’intesa che l’accordo durerà almeno fino al 2024. Tuttavia, nel suo annuncio era chiaro che l’accordo era soggetto a “valutazioni annuali”. Ciò ha portato alla speculazione che questi potrebbero in qualunque momento recidere il contratto.

Parlando in vista del Gran Premio di Gran Bretagna, l’amministratore delegato dell’Alfa Romeo Jean-Philippe Imparato ha spiegato che il piano riguardava più la possibilità di mettere a punto ciò che voleva dal suo coinvolgimento in F1 in modo che fosse a lungo termine, piuttosto che mettere in discussione il suo coinvolgimento.

Ciò è stato particolarmente importante nell’ambiente delle case automobilistiche stradali che devono affrontare una crescente regolamentazione da parte dei governi in materia di emissioni e il passaggio all’auto elettrica. Mercoledì, ad esempio, l’UE ha proposto un divieto effettivo alla vendita di nuove auto a benzina e diesel dal 2035 suggerendo un taglio del 100% delle emissioni di CO2 entro tale data.

L’interesse di Alfa Romeo a restare in Formula 1

Parlando della contrapposizione tra avere un contratto pluriennale in F1, ma con revisioni annuali, Imparato ha detto: “Se non avessi detto pluriennale, non sarei stato coerente nel messaggio di stabilità. Quello di cui ho bisogno, come Alfa Romeo, è stabilità perché il mio lavoro è un lavoro a lungo termine. Non si costruisce il piano di prodotto in tre anni, serve un piano per 10 anni. Quindi ho bisogno di stabilità“.

Ma nel nostro mondo caotico, ricorda che ieri abbiamo sentito parlare della proposta di un divieto dell’ICE nel 2035 e che in teoria possiamo vietare un motore a combustione domani mattina, senza alcun commento sull’impatto del Covid-19. Per essere più performanti, possiamo inventare cose nuove, come, ad esempio, edizioni speciali di auto, per alimentare il business ed essere reattivi.

Quindi non c’è assolutamente alcuna contraddizione tra il fatto che voglio lavorare su una visione stabile e a lungo termine, ma allo stesso tempo stiamo tenendo il passo per affrontare le nuove sfide che abbiamo“. Il capo del team Alfa F1 Frederic Vasseur, che rimarrà con la squadra come parte del nuovo accordo, è stato felice del piano.

È esattamente quello che abbiamo fatto in passato“, ha spiegato. “Negli ultimi 24 mesi, con la pandemia e tutta la storia dei regolamenti per il comparto auto stradali, dobbiamo sempre mettere a punto gli accordi che abbiamo. Non è un grosso problema che ci sediamo insieme. Abbiamo un buon rapporto e possiamo sederci per guidare un po’ la partnership per adattarla al mondo.

Il mondo si sta evolvendo ogni mese e dobbiamo essere proattivi e reattivi, in modo da non rimanere nello stesso tipo di accordo per i prossimi 10 anni. Non avrebbe senso. Devi essere in grado di evolvere“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share