Alfa Romeo, Chrysler, Opel, DS: le belle addormentate di Stellantis

Stellantis ha alcune belle addormentate tra i suoi marchi, dall’Alfa Romeo a DS passando per Chrysler e Opel
Stellantis
Stellantis

Ciascuno dei 14 marchi Stellantis “deve essere in grado di proiettarsi nel futuro”, ha affermato Carlos Tavares, capo di Stellantis. Il 4 ° gruppo più grande al mondo, nato dall’unione di PSA e FCA, che oggi ha presentato i suoi risultati annuali, ha alcune belle addormentate tra i suoi marchi, dall’Alfa Romeo a DS passando per Chrysler: marchi leggendari ma che attualmente regalano poche soddisfazioni dal punto di vista commerciale.

Le vendite di Alfa Romeo sono crollate con la pandemia nel 2020 a 32.000 unità in Europa, lontano dalle 400.000 promesse nel 2014 da Sergio Marchionne. Degli 8 modelli annunciati all’epoca, ne sono stati lanciati solo due, la Giulia berlina e il SUV Stelvio, che riscosse un discreto successo. Il brand milanese conta su due modelli per rilanciarsi a partire dal 2022: il SUV Tonale, proposto come ibrido plug-in, e un piccolo SUV disponibile anche in versione 100% elettrica.

Anche se le vendite non sono decollate, l’aura di Alfa Romeo sembra essere intatta e la fusione con PSA e il suo ritorno come sponsor di Formula 1 dal 2019 potrebbero darle una spinta. Stellantis ha nominato il francese Jean-Philippe Imparato nuovo CEO del Biscione, dopo il successo ottenuto in Peugeot.

Acquistata da PSA nel 2017, Opel / Vauxhall ha sofferto molto nel 2020 con un calo delle vendite del 35% a 633.000 esemplari, dopo il ritiro di molti modelli dal suo catalogo. Il marchio tedesco elettrizza la sua gamma ad alta velocità: la compatta Corsa, il SUV Mokka e il minivan Zafira sono previsti in versione elettrica entro la fine del 2021. “L’unico marchio tedesco all’interno di Stellantis”, Opel è “sinonimo di precisione e ingegneria tedesca”, spiega il suo direttore Michael Lohscheller. “Siamo sempre stati il ​​marchio che ha reso le innovazioni accessibili a un vasto pubblico”.

Il direttore di Opel conta su un design “pulito e deciso” inaugurato con la sua nuova Mokka per differenziarsi in Germania e nel Regno Unito, i suoi principali mercati. Ma il marchio vuole “svilupparsi soprattutto fuori dall’Europa”, sottolinea Lohscheller, in nuovi mercati come Russia, Colombia, Ecuador e presto in Giappone.

Acquistata nel 2009 dalla Fiat quando era in bancarotta, Chrysler non ha ritrovato la sua ragion d’essere. Il marchio di Detroit offre ora solo tre modelli nel suo catalogo e ha visto le sue vendite diminuire del 13% nel 2020 per raggiungere le 110.464 unità, molto indietro rispetto a Dodge, il suo muscoloso cugino americano di Stellantis. Per Karl Brauer, del sito carexpert.com, “un marchio in difficoltà come Chrysler potrebbe essere utile per la sua rete di concessionari”, scomparendo a favore dei nuovi marchi lanciati da Stellantis negli Stati Uniti.

Visitando una fabbrica Chrysler a febbraio, il capo di Stellantis Carlos Tavares ha sottolineato che la fusione è stata al contrario “un’opportunità per rilanciare il marchio”, con un primo passo: la nomina di un nuovo manager.

PSA ha lanciato DS nel 2014 con la missione di incarnare il lusso francese di fronte al dominio delle berline tedesche. Ma il marchio sta lottando per decollare, con 44.000 unità vendute in tutto il mondo nel 2020 mentre ne puntava 200.000 pochi anni fa.

DS per lo più ha mancato il suo lancio nel mercato cinese, dove ha finito per divorziare dal suo partner locale. Ora sta subappaltando la produzione della sua nuova ammiraglia, la DS9, che sarà commercializzata alla fine di marzo in Cina, poi in Europa. Integrata nel polo “premium” di Stellantis con Alfa e Lancia, DS deve ampliare la sua gamma e conta sulla sua nuova compatta, la DS4, per rilanciarsi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share