Stellantis in Brasile: come iniziano ad operare Jeep, Fiat, Peugeot e Citroën nel Paese?

Stellantis in Brasile si prepara a registrare vendite Record sotto diversi marchi
Stellantis in Brasile: come iniziano ad operare Jeep, Fiat, Peugeot e Citroën nel Paese?
Stellantis in Brasile: come iniziano ad operare Jeep, Fiat, Peugeot e Citroën nel Paese?

I pesanti costi per lo sviluppo di nuove tecnologie, in particolare le auto autonome ed elettriche più efficienti, hanno costretto diversi produttori a cercare fusioni o alleanze per mantenere le loro operazioni finanziariamente sostenibili. Fiat Chrysler ha cercato di avvicinarsi alla Renault. Tuttavia, a causa di questioni politiche in particolare da parte del governo francese, l’unione tra i conglomerati non è andata oltre il campo delle intenzioni.

PSA non ha perso tempo ed è riuscita a trovare un accordo tra le migliori società delle due società per avviare una fusione di successo, che ha iniziato a operare quest’anno con il completamento di Stellantis. Data la velocità con cui i due colossi automobilistici hanno unito le loro operazioni, la tendenza è che una partnership molto produttiva guiderà i prossimi passi del nuovo gruppo. Ma per quanto riguarda il Brasile?

Stellantis riunirà marchi rilevanti con una storia importante nel paese. A cominciare da Fiat, marchio di ottima accoglienza nel mercato brasiliano, attraverso Jeep, che ha costruito un portafoglio nazionale di successo, così come le francesi Citroën e Peugeot. Queste ultime dovrebbero ricevere una spinta nei prossimi anni ormai sotto la nuova società. Stellantis opererà con il marchio Ram specializzato in pickup. A gennaio, il neonato gruppo è diventato il principale conglomerato automobilistico nelle vendite in Sud America. Solo in Brasile, 45.644 auto sono state vendute tra i quattro marchi, raggiungendo una quota di mercato del 28,1%. Il nuovo gruppo ha ottenuto anche una partecipazione del 29% in Argentina, dove era anche leader nelle vendite.

Stellantis in Brasile parte subito alla grande!

Nella stessa conferenza stampa in cui ha presentato i piani Fiat per il 2021 in Brasile, Herlander Zola, direttore del marchio nel Paese, ha presentato alcune importanti linee guida che dovrebbero guidare le attività locali. Secondo il dirigente, la prospettiva è che creerà un portafoglio di prodotti complementari guardando tutti i suoi marchi in Brasile. “Ogni marchio avrà la sua identità preservata. L’idea è quella di creare una gamma complementare”, ha rivelato Zola all’incontro con la stampa specializzata.

Ad esempio, come anticipato, Ram sarà responsabile dei pickup più grandi. Jeep, a sua volta, si identifica naturalmente con il segmento fuoristrada e dovrebbe essere responsabile dell’immissione sul mercato dei SUV con trazione 4×4. Fiat dovrebbe preservare il suo orientamento delle citycar e concentrarsi sulla competitività in termini di costi-benefici. Peugeot e Citroën, a loro volta, dovrebbero operare nella gamma delle “compatte premium” e dei modelli con una maggiore attenzione alle finiture, al design e alla raffinatezza.

Se prendiamo come base il concept Fastback svelato nel 2018, il secondo SUV brasiliano della Fiat dovrebbe essere un modello medio-grande (lunghezza in casa di 4,60 m), che differirà dalla Compass e dalla futura Jeep 7 posti. Parallelamente, la comunione di diversi marchi sotto lo stesso gruppo aziendale può aiutare altri modelli a diventare ancora più competitivi, migliorando i risultati dell’azienda nella regione. Va dietro le quinte, ad esempio, che la Peugeot 208 argentina può ricevere il motore 1.0 turbo ad iniezione diretta che Fiat produrrà a Betim (MG).

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti
Total
3
Share