Volkswagen supera di poco Stellantis nel primo semestre in Europa

Stellantis si avvicina alla leadership del mercato europeo
stellantis

Il primo semestre del 2021 si chiude con un vero e proprio testa a testa tra Volkswagen e Stellantis per quanto riguarda le vendite in Europa. I due gruppi registrano una netta crescita rispetto ai dati dello scorso anno. Stellantis fa segnare una crescita percentuale superiore al gruppo Volkswagen che però conquista la testa della classifica di vendite per poche decine di migliaia di unità. Per il secondo semestre ci sono le basi per un sorpasso di Stellantis su Volkswagen.

Analizziamo i numeri. Secondo quanto rivelato da Motor1Numbers, infatti, Volkswagen conquista la cima della classifica di vendite del primo semestre del 2021 con un totale di 1,9 milioni di unità vendute nel corso dei primi sei mesi dell’anno in corso. Rispetto ai dati dello scorso anno, il gruppo tedesco fa segnare una crescita del +31% mentre è in calo del -14% rispetto ai dati del primo semestre del 2019.

Stellantis, che aveva guidato il mercato auto nel primo trimestre in Europa, si deve accontentare di 1,83 milioni di unità vendute con una quota di mercato del 23,09%. Il gruppo fa segnare una netta crescita rispetto al primo semestre del 2020 (+35%) ed un netto calo rispetto al 2019 (-21%). Da notare che Stellantis guida le vendite in 8 dei 31 Paesi europei ed in 3 dei primi 5 mercati del continente (Francia, Italia e Spagna).

Da notare, inoltre, che Stellantis guida le vendite nel segmento A, grazie soprattutto alle Fiat 500 e Panda, e nel segmento B, grazie ai vari modelli ereditati dal gruppo PSA, rispettivamente con 223 mila e 378 mila unità vendute. Ottimi risultati anche nel settore dei veicoli commerciali leggeri dove il gruppo fa segnare un totale di 428 mila unità vendute.

fiat 500 panda

Quali sono i margini di crescita di Stellantis?

Il gruppo Stellantis deve ancora dare il via al programma di sviluppo che permetterà di sfruttare al massimo le sinergie derivanti dalla fusione. A differenza di Volkswagen, infatti, l’azienda nata dalla fusione tra FCA e PSA lo scorso mese di gennaio è ancora un vero e proprio cantiere aperto e nel corso dei prossimi anni darà vita ad una lunga serie di investimenti per garantire una crescita sostanziale in futuro.

L’Italia giocherà un ruolo determinate. Marchi come Alfa Romeo e Maserati, infatti, pur non dovendo generare enormi volumi di vendita sono destinati a registrare una notevole trasformazione con un arricchimento della gamma che si tradurrà in un’inevitabile crescita anche dei volumi (Maserati ha il D-SUV Grecale e Alfa Romeo ha il C-SUV Tonale e potrebbe tornare anche nel segmento B). C’è poi da considerare il ritorno del marchio Lancia che dovrebbe nuovamente vendere i suoi veicoli in Europa.

Staremo a vedere, quindi, in che modo gli investimenti di Stelalntis riusciranno a sfruttare le sinergie della fusione garantendo una sostanziale crescita delle vendite nel corso dei prossimi anni. Il secondo semestre del 2021, molto probabilmente, continuerà ad essere caratterizzato da volumi molto vicini tra Stellantis e Volkswagen. Le cose potrebbero cambiare nei prossimi anni. Continuate a seguirci per saperne di più.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share