Stellantis: tutto pronto per l’incontro con i sindacati

Arriva anche il commento di alcuni lavoratori all’incontro
stellantis cassa integrazione

Nel corso della giornata di domani, 15 giugno, si svolgerà l’atteso incontro tra Stellantis e sindacati. Le parti si incontreranno a Roma, al Ministero dello Sviluppo Economico, come annunciato sul finire della scorsa settimana. Si tratta di un nuovo incontro che arriva a distanza di circa 2 mesi dal precedente. Questa volta, però, il Governo si siede al tavolo della discussione con l’incontro che si sposta dagli uffici torinesi di Stellantis alle sale del Mise.

Oltre a Stellantis e i sindacati italiani, infatti, saranno presenti anche i ministri Giorgetti, dello Sviluppo Economico, e Orlando, del lavoro. Sul tavolo ci sono svariati argomenti che riguardano il futuro delle attività di Stellantis in Italia. Il gruppo, nato dalla fusione tra FCA e PSA ad inizio gennaio, ha fatto registrare un costante ricorso alla cassa integrazione in questi mesi con molti stabilimenti che vivono una situazione di grande difficoltà.

Il caso più spinoso è quello dello stabilimento di Melfi. Il sito lucano, che può contare su 7 mila addetti e un enorme indotto, ha registrato un drastico taglio della produzione rispetto a quanto avvenuto al secondo semestre del 2020. Tale taglio è dovuto sia alla “crisi dei chip” che a vendite al di sotto delle attese dei modelli prodotti nello stabilimento.

Melfi non è il solo stabilimento italiano di Stellantis in difficoltà. Il polo torinese, infatti, continua a vivere una fase difficile anche se, dopo la partenza della nuova produzione della nuova Fiat 500 Elettrica, sono in arrivo i nuovi modelli Maserati a partire dalla nuova generazione di GranTurismo al debutto probabilmente entro fine anno.

Anche per Cassino e Pomigliano d’Arco il rilancio è ancora lontano con il Maserati Grecale che arriverà ad ottobre nello stabilimento laziale e l’Alfa Romeo Tonale che sarà pronto per giugno 2022 nello stabilimento partenopeo (dopo un ulteriore ritardo nel completamento del progetto). Da segnalare, inoltre, la difficile situazione degli stabilimenti di componentistica con Pratola Serra e Termoli che aspettano di scoprire il loro futuro.

Resta aperta, inoltre, la questione legata alla nuova Gigafactory. Stellantis sta cercando la sede giusta per la realizzare di un terzo stabilimento di produzione di batterie da affiancare ai siti già in costruzione in Francia e Germania. Questo progetto potrebbe essere realizzato in Italia, grazie anche al supporto del Governo. Al momento, le sedi più probabili per la realizzazione sono Mirafiori e Melfi ma i dubbi sulla fattibilità e sulla disponibilità di risorse continuano.

stellantis-produzione-italia

Il parere dei lavoratori della Stellantis di Melfi

Stellantis e i sindacati italiani si sono già incontrati in diverse occasioni nel corso del primo semestre del 2021. Al momento, però, non sono arrivati annunci concreti in merito ad un piano mirato a sostenere la filiera automotive italiana che sta attraversando un momento davvero molto difficile. Molti lavoratori del gruppo mostrano un’elevata sfiducia su questi incontri.

La conferma arriva dai pareri raccolti tra i lavoratori di Melfi dal magazine Basilicata24.it. Sottolineano alcuni lavoratori: “Sa di cosa parleranno domani a Roma, al Ministero dello Sviluppo economico? Parleranno di transizione alle auto elettriche, mentre i problemi concreti di noi operai rimarranno fuori dalla discussione. Da più di un mese tra cassa integrazione covid, a cui si sommerà a breve quella ordinaria e le ferie forzate, molti di noi non stanno raggiungendo quelle 12, 13 giornate al mese necessarie a maturare il rateo mensile, da cui dipendono tredicesima, premi di produzione e feri”

Da tempo si parla anche di un possibile taglio definitivo di parte della produzione di Melfi, con un ridimensionamento che inevitabilmente andrebbe ad avere degli effetti sui livelli occupazionali. Sulla questione un lavoratore sottolinea: “Da alcuni mesi si parla di ridimensionamento, del taglio di una linea produttiva. Abbiamo fatto due manifestazioni e i nostri sindacati non hanno né confermato né smentito ciò di cui ormai si parla, senza pudore e senza alcun dubbio, tutti i giorni in fabbrica,”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share