Stellantis risolve i contratti con tutti i dealer in Europa

Stellantis comunica ai suoi concessionari l’intenzione di recedere tra due anni dai suoi contratti
stellantis

Stellantis emetterà a tutti i suoi partner di vendita al dettaglio di auto in franchising nel Regno Unito e in Europa avvisi di disdetta di due anni come parte di una riorganizzazione delle sue reti di distribuzione in vista dell’introduzione delle nuove regole di esenzione per categoria. Questa mattina (19 maggio) gli affiliati dei franchise di Vauxhall, Peugeot, Citroen, DS Automobiles, Alfa Romeo, Fiat e Jeep del gigante OEM sono stati avvisati dei cambiamenti in una teleconferenza virtuale con il suo capo britannico Alison Jones e l’ amministratore delegato di Vauxhall Paul Willcox.

In base alle modifiche, i rivenditori riceveranno un nuovo accordo multi-franchising per tutti i marchi. Una dichiarazione rilasciata dall’OEM afferma: “In questo contesto, gli accordi di vendita e distribuzione di servizi di tutti i marchi Stellantis verranno risolti con un preavviso di due anni.  “La nuova rete di distribuzione sarà selezionata poco dopo sulla base di driver e criteri oggettivi chiave.

“I rappresentanti dei rivenditori saranno invitati a riunioni dedicate per contribuire allo sviluppo dei futuri piani e strategia di distribuzione di Stellantis, che apriranno la strada al nuovo schema di distribuzione di Stellantis, tenendo conto del quadro BER a partire da giugno 2023″. Un portavoce di Stellantis ha detto ad AM che il marchio Maserati non è incluso nelle modifiche.

Ha aggiunto che i rivenditori delle reti degli altri marchi potrebbero aspettarsi di ricevere lettere che illustrano ulteriori dettagli dei loro nuovi contratti a giugno. È improbabile che la finalizzazione dei contratti venga decisa fino a dopo la risoluzione degli aggiornamenti previsti ai regolamenti di esenzione per categoria dell’UE, previsti nel 2023.

Sebbene Stellantis continuerà a incoraggiare il multi-franchising nella sua rete di vendita al dettaglio nel Regno Unito, ha aggiunto che i nuovi contratti di vendita al dettaglio “non necessariamente” porterebbero a un numero ridotto di punti vendita al dettaglio.

I dettagli delle modifiche al modello di distribuzione Stellantis arrivano meno di due mesi dopo che la Corte suprema austriaca dei cartelli ha vietato al suo marchio Peugeot di legare i pagamenti dei concessionari ai sondaggi sulla soddisfazione dei clienti e di sovvenzionare i prezzi dei veicoli venduti nei punti vendita di proprietà del produttore.

Il caso è sorto a seguito di una lunga controversia legale tra il concessionario Peugeot Buchl e Peugeot Austria di PSA, in cui Buchl ha affermato che la società di vendita nazionale di Peugeot stava abusando del proprio potere di mercato e in violazione del diritto della concorrenza. Stellantis ha affermato questa mattina che la sua visione era quella di promuovere un “modello di distribuzione sostenibile con una rete di distribuzione Stellantis efficiente, ottimizzata ed efficace”.

Ha suggerito che gli affiliati trarrebbero vantaggio da una gamma più ampia di soluzioni e servizi come risultato dei cambiamenti, affermando: “I clienti potranno trarre vantaggio da un approccio multicanale con una gamma più ampia di servizi. “Retailer e Stellantis Brands avranno un nuovo ed efficiente modello di business volto a creare sinergie, ottimizzare i costi di distribuzione, aumentare la soddisfazione del cliente.

“Ciò offrirà ulteriori opportunità di business sostenibili, inclusa una gamma più ampia di servizi, line-up di prodotti, finanziamenti e soluzioni per la mobilità”. Stellantis ha aggiunto: “Le linee di prodotti del marchio Stellantis si stanno evolvendo rapidamente verso l’elettrificazione in linea con le aspettative dei clienti e le modifiche normative. “I canali omni, inclusi i percorsi di vendita online, hanno cambiato i modelli di acquisto dei clienti.

“Questo ambiente, insieme all’imminente BER (regolamento di esenzione per categoria dell’UE) previsto nel 2023, porterà a modifiche agli attuali contratti e standard di distribuzione”. Questa mattina, Stellantis ha ribadito la sua affermazione che il 98% dei modelli Stellantis sarà elettrificato e il 100% elettrificato in Europa entro il 2030.

Entro il 2025, il 35% delle vendite di Stellantis sarà composto da LEV e il 70% entro il 2030, con una forte accelerazione in questo processo e dal 2023 poiché Stellantis mira ad essere in prima linea nei cambiamenti consentendo alla sua rete di adattarsi con un tempo sufficiente.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share