Stellantis porta SVOLT nel gruppo dei fornitori di celle per batterie

Stellantis acquisterà anche le sue batterie per auto elettriche da SVOLT
Gigafactory stellantis

Dal 2025, Stellantis acquisterà anche le sue batterie per auto elettriche da SVOLT. Stellantis aveva già accennato qualche giorno fa, presentando la sua nuova strategia elettrica, che SVOLT sarà uno dei futuri fornitori di celle per batterie insieme a CATL, BYD, Samsung e LG Energy Solution.

Come annuncia ora SVOLT, dal 2025 “un ampio portafoglio di prodotti” sarà messo a disposizione dell’azienda automobilistica: “Dalla cella della batteria al sistema di accumulo ad alta tensione al sistema di gestione della batteria”. le capacità produttive in Cina e le future capacità produttive in Europa utilizzano, per la precisione, lo stabilimento previsto nel Saarland. SVOLT non fornisce cifre specifiche sull’ambito dell’ordine.

“Siamo molto lieti che con Stellantis siamo stati in grado di conquistare un rinomato cliente per le nostre batterie e sistemi di batterie agli ioni di litio di alta qualità e che saremo in grado di fornire batterie in futuro”, ha affermato Maxim Hantsch-Kramskoj, Vice Presidente Vendite e Marketing SVOLT Europa. SVOLT ha dedicato molto lavoro di sviluppo alla creazione di celle prive di cobalto negli ultimi anni. Si dice che la produzione di massa di materiale catodico privo di cobalto per le cosiddette celle della batteria NMX dell’azienda a Jintan, nella Cina orientale, sia iniziata ad aprile . Le celle della batteria senza cobalto basate su questo devono essere prodotte a partire da quest’estate.

Il produttore cinese di celle per batterie è emerso diversi anni fa dalla casa automobilistica cinese Great Wall è stata la prima volta che le celle senza cobalto nel 2019 sono state annunciate e nel maggio 2020 i primi dettagli a cui si fa riferimento. Le prime varianti di celle sono disponibili su ordinazione da metà dicembre. Al momento non è chiaro quale tipo di cella l’azienda fornirà a Stellantis, ma c’è molto da dire su queste celle prive di cobalto.

 Perché pochi giorni fa al suo “EV Day 2021” il gruppo multimarca ha annunciato una strategia di elettrificazione globale basata su quattro piattaforme BEV e ha spiegato di voler utilizzare due chimiche di celle di batteria in tutto il gruppo: una versione più economica senza nichel e cobalto ( probabilmente Ma nessuna chimica LFP, come indicato da Stellantis oltre ai materiali ferro-litio e manganese), che a livello di cella hanno una densità energetica da 400 a 500 Wh/l e dovrebbero essere integrati nei veicoli con l’approccio cell-to-pack.

E in secondo luogo, una chimica cellulare a base di nichel, con un catodo di nichel-manganese. A livello di cella, il target è da 600 a 700 Wh/l, tuttavia, i moduli dovrebbero essere inizialmente utilizzati qui. Il passaggio al cell-to-pack è stato annunciato solo per il 2026. Stellantis punta anche al primo utilizzo di una batteria a stato solido nei veicoli per il 2026.

Per il 2025, Stellantis ipotizza una domanda globale di 130 GWh per il gruppo, di cui 80 GWh in Europa. Oltre alle gigafabbriche di ACC ( la joint venture insieme alla controllata di Total Saft ), le celle, come accennato all’inizio, devono essere ottenute da CATL, BYD, Samsung, LG Energy Solution e anche da SVOLT. Nel 2030 la domanda dovrebbe essere di 260 GWh, di cui oltre 170 GWh in Europa.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: posti di lavoro a rischio a Termoli nonostante la Gigafactory

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share