Stellantis: nuova chiusura totale in arrivo per lo stabilimento di Melfi

Nuovo stop produttivi a maggio per lo stabilimento
stellantis melfi

Continua il momento difficile dello stabilimento Stellantis di Melfi che dal mese di febbraio è in cassa integrazione, con diversi stop produttivi, per via dei ben noti problemi con le forniture di componenti e del calo della domanda dei tre modelli prodotti (500X, Compass e Renegade) nel mercato europeo.

Nella giornata di oggi, infatti, è arrivata la conferma che lo stabilimento Stellantis registrerà una nuova chiusura totale già in occasione della prima settimana di maggio. A Melfi, infatti, le attività produttive si interromperanno dal 3 al 10 maggio prossimo con tutti gli oltre 7 mila addetti dello stabilimento che saranno in cassa integrazione.

Anche in questo caso, lo stop produttivo è stato motivato con la mancanza dei semiconduttori, un fattore che sta causando continui stop in diversi stabilimenti produttivi (non solo di Stellantis). La pandemia, oltre a causare un netto calo delle vendite di auto, sta creando non pochi problemi ai produttori di chip e il settore automotive deve fare i conti con la carenza di componenti.

Sul caso registriamo le parole del segretario regionale della Basilicata della Uilm, Marco Lomio, che dichiara: “Questi continui stop legati ai problemi di fornitura ad oggi non vedono una soluzione e impattano in modo forte sul salario dei lavoratori”.

melfi

Continuano le difficoltà dello stabilimento Stellantis di Melfi

Lo scorso anno, nonostante la pandemia, lo stabilimento di Melfi ha registrato ottimi risultati produttivi, in particolare nella seconda parte dell’anno. L’avvio della produzione della Jeep Compass seguito dal debutto delle varianti plug-in hybrid di Compass e Renegade ha garantito una notevole crescita della produzione.

Lo scorso autunno, inoltre, FCA aveva confermato la volontà di far partire un nuovo turno di lavoro sulla Compass in modo da garantire un incremento della produzione del SUV. Nel corso del 2021 si sarebbe raggiunta la piena produzione nello stabilimento con la possibilità anche di nuovi inserimenti in organico.

L’incremento produttivo era previsto per metà febbraio. Proprio nel corso del secondo mese dell’anno è, invece, scattata la cassa integrazione con ripetuti blocchi produttivi. In un primo momento, il ricorso agli ammortizzatori sociali era previsto fino a marzo per poi essere esteso ad inizio aprile e successivamente ad inizio maggio.

Il nuovo stop annunciato oggi conferma quanto molti osservatori avevano anticipato. Lo stabilimento Stellantis di Melfi continuerà ad affrontare una crisi produttiva per ancora svariati mesi. L’uscita dal momento di difficoltà sembra essere ancora lontano.

A rilanciare parzialmente le vendite dovrebbero arrivare le nuove varianti mild hybrid dei tre modelli prodotti nello stabilimento. Il problema con le forniture, però, dovrebbe continuare. Maggiori dettagli arriveranno nel corso delle prossime settimane.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share