Stellantis: i piccoli fornitori di componenti sono preoccupati

I fornitori italiani di componenti per auto vedono le loro piccole dimensioni medie faticare ad adattarsi a Stellantis
stellantis

I fornitori italiani di componenti per auto vedono le loro piccole dimensioni medie faticare ad adattarsi ai cambiamenti del settore a seguito della fusione della casa automobilistica locale Fiat Chrysler con la francese PSA che ha creato Stellantis (STLA.MI) all’inizio di quest’anno, secondo un sondaggio della lobby di giovedì.

Le case automobilistiche globali stanno investendo miliardi per accelerare la transizione verso una mobilità a basse emissioni, spingendo i produttori di componenti ad adattare la loro produzione, con motori elettrici che richiedono meno componenti e spesso diversi da quelli a combustione tradizionale. La maggior parte dei fornitori di componenti italiani intervistati dalla lobby dell’industria automobilistica italiana ANFIA non ha espresso un giudizio definitivo sulle conseguenze della creazione di Stellantis, la quarta casa automobilistica al mondo.

Ma ha mostrato che la maggioranza di coloro che hanno risposto pensa che le loro dimensioni potrebbero metterli sotto pressione da parte della casa automobilistica più grande per adattarsi alle sue richieste. “C’è un problema con le dimensioni e questo è un problema, soprattutto in termini di investimenti, quando le aziende devono riorientare le loro produzioni”, ha affermato Marco Stella, responsabile del settore componenti di ANFIA, rilevando che l’Italia non ha grandi fornitori di componenti per auto come la Germania.

“Le piccole dimensioni influiscono sulla loro capacità di rispondere alle sfide poste dai cambiamenti del settore”. Tuttavia, molti degli intervistati nel sondaggio vedono ancora la fusione come un’opportunità, in particolare per un più ampio accesso ai mercati che il gruppo può garantire, afferma il rapporto.

Francesco Zirpoli dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, che ha contribuito al rapporto, ha affermato che le fortune dei fornitori italiani di componenti per auto sarebbero strettamente legate al modo in cui Stellantis gestisce la sovrapposizione tra le sue ex catene di approvvigionamento europee Fiat Chrysler e PSA. “I produttori italiani di componenti per auto stanno lottando per aggiornare la loro offerta attraverso investimenti in ricerca e sviluppo”, ha affermato.

Il rapporto ha mostrato che l’industria italiana dei componenti per auto lo scorso anno comprendeva circa 2.200 aziende, con un fatturato totale di quasi 45 miliardi di euro (52 miliardi di dollari) . Circa il 42% proveniva dalle vendite a Stellantis.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share