Stellantis: Free2Move si espande nonostante la pandemia

Free2Move – servizio di car sharing di Stellantis, ha visto una crescita importante nonostante la pandemia nella seconda metà del 2020
Free2Move
Free2Move

Free2Move – servizio di car sharing di Stellantis, produttore di Jeep, Ram, Chrysler, Fiat, Peugeot e altro – ha visto una crescita importante nonostante la pandemia nella seconda metà del 2020. Con la revoca delle restrizioni ordinate dal governo americano, i residenti in città come Washington DC, che in precedenza si erano affidato al trasporto di massa, hanno iniziato a cercare alternative meno rischiose. Presto Free2Move si espanderà nella sua seconda città degli Stati Uniti: Portland, Oregon.

A differenza dei fornitori di servizi di taxi come Uber Technologies Inc. e Lyft Inc. che offrono un servizio simile a un taxi, Free2Move ha una flotta di veicoli che i clienti possono individuare nella sua app, sbloccarla e utilizzarla per pochi minuti, poche ore o per pochi giorni.

Le tariffe di Portland saranno di 49 centesimi al minuto, $ 19,99 l’ora e $ 79,99 al giorno, simili a quelle di Washington. Al termine, i clienti parcheggiano il veicolo in qualsiasi punto dell’area di servizio. Free2Move offre anche altri servizi in Europa, tra cui parcheggi e boleggi mensili, anch’essi in espansione.

I concorrenti hanno provato e fallito con iniziative di mobilità simili. Il servizio di car-sharing della General Motors Co., Maven, ha chiuso la scorsa estate dopo la sospensione dei servizi per la pandemia COVID-19. Ma anche prima, l’impresa aveva avuto difficoltà, uscendo da otto città nel 2019. La divisione servizi finanziari di Ford Motor Co. nel 2019 ha venduto il suo servizio di abbonamento per veicoli Canvas a un’app di noleggio auto con sede in California.

Share Now, il servizio di car-sharing precedentemente noto come Car2Go di proprietà della società madre Mercedes-Benz Daimler AG e BMW AG, all’inizio dello scorso anno è uscito dal Nord America. Tali servizi richiedono spesso partnership e comunicazioni significative con le autorità governative locali che possono rivelarsi lunghe e costose, ha affermato Philippe Houchois, analista con sede nel Regno Unito per la banca di investimenti Jefferies Group LLC.

Il desiderio di utilizzare il car sharing e i servizi di abbonamento auto, tuttavia, è quadruplicato al 20% dal 5% alla fine dell’anno scorso, secondo un sondaggio della società di software Ridecell Inc.

“Stanno iniziando a vedere un significativo rimbalzo”, ha detto Daniel Ives, analista per la società di investimenti Wedbush Securities Inc., dei servizi di mobilità dopo che società come Uber e Lyft hanno inizialmente perso il 90% degli affari durante la pandemia. “I datori di lavoro stanno cercando di riportare i dipendenti al lavoro e in molti casi stanno offrendo sussidi per prendere Uber, Lyft o altre forme di mobilità condivisa”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share