Stellantis: a Vesoul 200 lavoratori italiani hanno sostituito i precari francesi

200 dipendenti italiani del gruppo automobilistico Stellantis vengono a lavorare in Francia
Gigafactory stellantis

È la prima volta in Francia: i dipendenti italiani del gruppo automobilistico Stellantis vengono a lavorare in Francia. Il gruppo automobilistico, che cerca di ottimizzare la propria forza lavoro, ha offerto a 200 dipendenti italiani di percorrere 1.300 chilometri per venire a lavorare a Vesoul. Lo stabilimento dell’Alta Saona non è così colpito come gli altri siti perché non produce automobili. È l’hub globale per i pezzi di ricambio e quindi c’è del lavoro da fare. Gli italiani, che hanno inconsapevolmente preso il posto di tanti precari francesi, apprezzano la calma di Vesoul, l’accoglienza dei francesi, hanno accettato di percorrere altrettanti chilometri per avere uno stipendio a fine mese.

Questi dipendenti di Stellantis, non avevano davvero scelta. “Non è stata una scelta imposta” , afferma uno di loro che spiega di essere partito a causa della “crisi” in Italia dopo essere “rimasto a lungo senza lavorare”. “Improvvisamente non ci è stato imposto ma quasi”, ha dichiarato.

I siti produttivi vengono chiusi per mancanza di semiconduttori e le giornate non lavorate non vengono pagate. “In Italia, i siti sono stati chiusi per molto tempo. Lì lavoravamo due o tre giorni alla settimana, improvvisamente la paga è andata con esso”, dice l’italiano. Tutti concordarono di portare a casa uno stipendio. Utilizzati per assemblare Jeep o Fiat 500, svolgono lavori di magazzino a Vesoul, preparando gli ordini.

Le condizioni di questo lavoro in Francia sono un compenso per vitto e alloggio, ma nessun bonus specifico. Lo stipendio è lo stesso. La CGT parla di ricatto sul lavoro. Questi 200 dipendenti italiani di Stellantis si aggiungono ai 70 dello stabilimento di Mulhouse e ai venti del sito produttivo di Sochaux. 

Allo stesso tempo, in modo abbastanza brutale, 300 lavoratori temporanei sono stati licenziati durante la notte. Gli italiani non lo sapevano. Alcuni sono a Vesoul fino al 31 dicembre, altri fino a giugno. Hanno in programma di tornare a casa ogni 45 giorni.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: a Melfi proseguono i tagli al personale nello stabilimento del gruppo automobilistico

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
2
Share