Stellantis: a Termoli si torna a parlare di piena occupazione

Nonostante un presente caratterizzato dalla cassa integrazione c’è speranza per il futuro
stellantis-termoli

Gli stabilimenti italiani di Stellantis stanno attraversando una fase molto difficile. Tra i siti alle prese con un costante ricorso alla cassa integrazione (il prossimo “appuntamento” è previsto per fine aprile) troviamo anche lo stabilimento di Termoli, sede di produzione di motori e cambi per diversi modelli del gruppo.

Nel sito molisano continuano i lavori per la realizzazione di un nuovo motore GSE che sarà in grado di supportare l’elettrificazione e sarà, quindi, alla base delle nuove motorizzazioni mild hybrid di alcuni modelli di Stellantis. Questo motore sarà parte integrante anche della gamma dell’Alfa Romeo Tonale, il C-SUV recentemente rinviato al 2022.

Il progetto in questione ricoprirà un ruolo molto importante per il futuro di Termoli. Lo stabilimento molisano, infatti, punta sul nuovo motore GSE per registrare una netta crescita dell’attività produttiva nel corso dei prossimi mesi, sfruttando anche la possibile crescita delle vendite di nuove auto sul mercato europeo in concomitanza ad una riduzione dei contagi.

Per Termoli, però, sarà necessario attendere ancora diversi mesi prima di poter registrare la “piena occupazione“. La conferma arriva dai rappresentati Fim-Cisl dello stabilimento che hanno partecipato al Comitato Esecutivo di stabilimento a cui ha preso parte anche il direttore di Termoli Plant. Stando a quanto dichiarato da Fim-Cisl:

“L’incertezza dei mercati e la cassa integrazione sta mettendo in crisi la presenza di tutti i lavoratori sulla normale turnazione, mettendo in discussione la maturazione dei ratei, abbiamo chiesto attenzione massima per una corretta gestione della rotazione del personale di stabilimento, pur confermando il piano industriale in corso e l’immediata partenza delle produzioni de nuovo motore GSE ci è stato confermato che, con tutta probabilità, una piena occupazione potrebbe rientrare a partire dal prossimo autunno”

Il nuovo motore di Termoli dovrebbe arrivare a maggio

Il progetto del nuovo motore GSE a Termoli risale alla parte finale del 2019 con l’approvazione del “Piano Italia”, il piano industriale di FCA per gli stabilimenti italiani del gruppo. Secondo quanto previsto dal piano, la nuova linea dedicata al motore che sarà la base dell’elettrificazione di diversi modelli del gruppo sarebbe dovuta essere pronta ad inizio 2021.

La pandemia e le delicate condizioni del mercato hanno causato un allungamento delle tempistiche. Nei mesi scorsi, l’azienda confermò che il progetto sarebbe entrato in produzione nel mese di maggio 2021. Al momento, però, manca ancora una conferma ufficiale. Staremo a vedere nelle prossime settimane se l’impegno verrà rispettato o anche questa volta ci sarà un rinvio.

Nel frattempo, lo stabilimento di Termoli continuerà a dover fare i conti con livelli produttivi ridotti e l’obbligo di affidarsi agli ammortizzatori sociali per gestire questa situazione delicata.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share