Prototipi dimenticati: Alfa Romeo Nuvola

Alfa Romeo Nuvola
Alfa Romeo Nuvola

Con proporzioni classiche e strizza l’occhio alle auto degli anni ’30, il prototipo dell’Alfa Romeo Nuvola fu presentato al Salone di Parigi del 1996, come mero esercizio di design e senza anticipare nessun nuovo modello, ma la verità è che nei suoi interni si nascondeva qualcosa di nuovo. In effetti, questo concept di Alfa Romeo è stato costruito su uno dei primi esemplari di piattaforma modulare, un concetto profondamente radicato oggi, che riduce notevolmente i costi, ma che all’epoca suscitò molto scalpore.

La caratteristica principale di questa nuova struttura autoportante era proprio quella di consentire lo sviluppo di vari modelli, anche di diversa taglia, tipologia di carrozzeria, disposizione meccanica o schema delle sospensioni, ma utilizzando lo stesso telaio. In questo caso, sotto il lungo cofano della Nuvola troviamo il famoso e d’epoca V6 da 2,5 litri “Busso”, in posizione molto arretrata e dotato di due turbocompressori, che offre una potenza di 300 CV. È abbinato a un cambio manuale a sei rapporti.

Inoltre, aveva la trazione integrale, con tre differenziali, quello centrale ad accoppiamento viscoso e quello posteriore autobloccante. Secondo l’Alfa Romeo, il prototipo era in grado di accelerare da 0 a 200 km / h in 5,0 secondi e poteva raggiungere i 280 km / h. Il nome del concept, Nuvola (nuvola in italiano), ha reso omaggio al grande pilota automobilistico Tazio Nuvolari, che ha forgiato gran parte della sua leggenda correndo al volante di modelli Alfa Romeo, sebbene si riferisse anche alle linee pulite del suo design. Il colore blu esterno, invece di essere il classico rosso della casa, ha ricevuto il nome di “Azzurro Nuvola”, celeste.

La carrozzeria è stata progettata direttamente dal Centro Stile Alfa Romeo, quindi non era un’auto commissionata a uno studio esterno. Il responsabile del disegno delle linee della Nuvola, infatti, era Walter de Silva, che pochi anni dopo avrebbe creato l’ Alfa Romeo 156 , prima di fare il salto nel Gruppo Volkswagen. Il designer ha combinato elementi classici, come i due grandi “baffi” su ciascun lato della griglia, ispirati ad alcune 6C e 8C, la 1900 e la prima Giulietta. Caratteristica ripresa anche nell’Alfa Romeo 8C Competizione , presentata nel 2003 e commercializzata a partire dal 2007.

l prototipo dell'Alfa Romeo Nuvola fu presentato al Salone di Parigi del 1996, come mero esercizio di design e senza anticipare nessun nuovo modello

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Montreal di Alfaholics in vendita

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share