Mirafiori è la fabbrica più avanzata di Fiat Chrysler

Dopo la presentazione dell’intera gamma della nuova Fiat 500 elettrica, il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles, apre le porte dello storico stabilimento di Mirafiori
Fiat Chrysler Mirafiori
Fiat Chrysler Mirafiori

Dopo la presentazione dell’intera gamma della nuova Fiat 500 elettrica, il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles, apre le porte dello storico stabilimento di Mirafiori, dove i dipendenti FCA creano questo diamante tecnologico che arriva a rivoluzionare lo spazio automobilistico con uno stile italiano unico, il messaggio ottimistico della Dolce Vita e dell’innovazione tecnologica Fiat.

Si tratta della più grande struttura FCA al mondo, composta da 20.000 persone, impiegate in quasi tutte le funzioni di un’industria automobilistica, come progettazione, ricerca e sviluppo, servizi finanziari e, naturalmente, costruzione di veicoli. Nei suoi 81 anni di storia, Mirafiori ha scritto pagine gloriose per l’industria automobilistica italiana e mondiale.

Quasi 1.200 persone saranno impiegate esclusivamente nella produzione della 500 elettrica, mentre la capacità produttiva è stimata in 80.000 unità all’anno, numero che potrebbe essere incrementato se necessario. Il costo totale dell’investimento per la linea di produzione della nuova 500 elettrica ha superato i 700 milioni di euro, mentre il modello è stato progettato, sviluppato e prodotto a Torino, essendo una vera vettura “Made in Fiat” e “Made in Turin”. Il processo di assemblaggio della nuova 500 elettrica parte dalla sezione di montaggio interna, che è stata studiata per garantire la corretta postura dei lavoratori.

Montata su una piattaforma ad altezza variabile può essere regolata individualmente all’altezza di lavoro ideale per ogni dipendente. Questa è la prima tappa della nascita della nuova 500 elettrica, che viene immediatamente dopo la verniciatura del telaio e della carrozzeria. Dopo la verniciatura vengono posizionate le superfici in vetro, dove per la prima volta vengono utilizzati esclusivamente robot per l’intera opera. Quindi vengono posizionati il ​​cablaggio, il cruscotto e la console e infine il cruscotto in modo che l’auto possa procedere alle fasi successive della produzione.

Le ampie aree di Mirafiori hanno permesso la realizzazione di apposite sezioni dove vengono stoccati i materiali dei fornitori, in modo che siano prossimi alla produzione e ne garantiscano il regolare flusso. In ogni stazione la produzione è attentamente monitorata, mentre ogni addetto può immediatamente chiedere aiuto se è difficile in qualsiasi fase. Nel caso estremo in cui non è possibile dare una soluzione immediata, la produzione si ferma automaticamente. Uno dei momenti più importanti del telaio e della parte del corpo è il momento in cui si svolge il “matrimonio”, ovvero l’unione del telaio con le parti meccaniche. Uno degli elementi più innovativi è l’assemblaggio del sistema di ricarica dell’auto.

Mentre un gruppo prepara il telaio, un altro gruppo prepara il motore elettrico e i componenti delle sospensioni. Rispetto a un veicolo convenzionale, La piattaforma di base della nuova 500 elettrica comprende la batteria e il motore elettrico, costituito dall’Electric Power Element (EDM) e dal Diodo elettrico (PEB). Altro componente importante è l’impianto elettrico di climatizzazione, che una volta assemblato le parti meccaniche può essere unito per la prima volta al resto del telaio. Il processo è completamente automatico.

Ti potrebbe interessare: FCA, Mirafiori: orario di lavoro ridotto del 57% per gli addetti alle presse

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share