Lo stabilimento Opel torna in attività ma con molte incertezze

Dopo 3 settimane di stop si torna a lavorare nello stabilimento Opel di Figueruelas
Opel
Opel

L’incertezza e i dubbi dovuti alla crisi dei microchip nel settore automobilistico mondiale hanno segnato il ritorno al lavoro nello stabilimento Opel di Figueruelas martedì. Per tutta la mattinata, le linee di produzione hanno iniziato a lavorare con la speranza di poter tornare quanto prima alla normalità, in un contesto mondiale molto complicato per il settore a causa della carenza globale di questi semiconduttori da inizio anno.

Così la fabbrica, appartenente al gruppo Stellantis, ha potuto riprendere il lavoro nel turno mattutino sulla linea 2, dedicata esclusivamente alla Corsa, sia nella sua versione elettrica che a scoppio, mentre sulla linea 1, che si occupa della Crossland e la Citroen C3 Aircross, torneranno al lavoro nel turno pomeridiano. Finora quest’anno, e nonostante le continue interruzioni, sono già più di 200.000 le unità che hanno lasciato Figueruelas, anche se lontane dalle previsioni che erano state gestite all’inizio del 2021, quando si sperava di recuperare i livelli record prima della pandemia.

In ogni caso, se necessario, l’azienda mantiene comunque l’ERTE concordato a maggio per tutto il personale produttivo . “La prima cosa che abbiamo fatto è stata esaurire le vacanze galleggianti e le borse delle ore. Ci sono colleghi che l’hanno già esaurita, e altri hanno ancora un giorno e non devono andare all’ERTE. Speriamo di non dover esaurire quei 50 giorni che sono stati firmati “, ha affermato il presidente del comitato aziendale, Rubén Alonso.

E così andranno avanti fino a nuovo avviso, consapevoli che questa crisi continuerà nelle prossime settimane e che gli aggiornamenti avverranno praticamente al momento. “Non osano fare previsioni. Siamo a rischio di ciò che sta accadendo con i semiconduttori “, ha lamentato Alonso, che spera che l’azienda sia stata in grado di accumulare questi chip durante le tre settimane di vacanza che lo stabilimento Opel di Figueruelas ha avuto.

Nonostante questa crisi globale, i risultati dell’impianto rimangono positivi. All’inizio del mese, nella presentazione dei risultati di Stellantis, il suo CEO, Carlos Tavares, ha evidenziato la grande accettazione della Corsa, leader nelle vendite nel Regno Unito e in Germania, con una quota di mercato del 21,3% e del 18,9 %, rispettivamente, nel primo semestre dell’anno. Allo stesso modo, nel corso del 2020, sono state vendute quasi 227.000 unità di questa vettura, che viene assemblata esclusivamente a Figueruelas.

Con il ritorno al lavoro in Opel, anche l’intera industria automobilistica aragonese inizia a preparare un percorso dove innovazione e fondi europei segneranno il futuro della quotidianità del settore. Non invano, il governo di Aragona ha già aperto il bando per dieci milioni di euro in aiuti a quelle iniziative che promuovono lo sviluppo sperimentale o la ricerca industriale, con l’obiettivo di mantenere la leadership della Comunità nella mobilità futura e renderla più pulita ed efficiente.

Ti potrebbe interessare: Opel novità per Stellantis in difficoltà in Cina

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
34
Share