Mercato

La fusione di FCA e PSA è più necessaria che mai

FCA-PSA

La fusione di FCA e PSA è più necessaria che mai. La crisi generata dalla pandemia di coronavirus è stata una vera battuta d’arresto per il settore automobilistico globale. Siamo in uno scenario molto diverso dalla fine dell’anno scorso, quando l’annuncio ufficiale è stato fatto da entrambe le entità. Le vendite globali di auto hanno riportato alcuni dati davvero inquietanti sia nel primo trimestre di quest’anno sia nei mesi di aprile e maggio. Solo nel periodo tra gennaio e marzo 2020, le immatricolazioni di auto nuove hanno raggiunto 17,4 milioni di unità, il 26% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Nel 2019, le operazioni combinate di FCA e PSA hanno raggiunto un utile operativo di 8,7 miliardi di eur . Questo importo colloca FCA-PSA al terzo posto nella classifica mondiale appena dietro Volkswagen e Toyota . È stato in grado di superare il conglomerato formato da Renault-Nissan. FCA e PSA hanno una forte presenza in Europa, Nord e Sud America. Una volta completata la fusione, il gruppo risultante sarà in grado di affrontare meglio le sfide del nuovo scenario derivante dalla pandemia di coronavirus.

D’altra parte, e a causa delle relazioni esistenti con i governi italiano e francese, sia FCA che PSA riceveranno il sostegno di entità governative che li aiuteranno nel loro compito di affrontare questa complicata situazione. In articoli precedenti abbiamo già ampiamente dettagliato i benefici della fusione sia dal punto di vista del PSA che da quello del FCA. Le tabelle di marcia annunciate dai due produttori prima che il loro annuncio di fusione fosse pubblicato nel mondo evidenziano numerose aree di cooperazione. PSA assisterà FCA nel suo passaggio alla mobilità elettrica e, ad esempio, FCA consentirà a PSA di rientrare negli Stati Uniti.

Se puntiamo i riflettori sul mercato europeo, durante lo scorso anno 2019 le operazioni congiunte di FCA e PSA hanno rappresentato il più grande produttore di automobili in Europa per volume di vendite. I registri hanno raggiunto 4.249.500 registrazioni, il 2,4% in meno rispetto all’anno precedente. Al vertice in questo momento è il gruppo  Volkswagen, le cui vendite sono state di 4.238.300 unità.

FCA e PSA non sono estranei agli effetti della pandemia di coronavirus . Ciò che è chiaro è che insieme avranno molte più possibilità di superare queste sfide rispetto a se lo facessero separatamente. È anche importante notare che prima che il coronavirus entrasse in scena, le vendite di entrambi i gruppi stavano già resistendo. Soprattutto in alcuni segmenti.

A breve termine, una delle prime misure che vedremo sarà un notevole adeguamento dei volumi di produzione dei veicoli . Non vi è dubbio che il mercato automobilistico sia saturo in termini di capacità produttiva e ne sono la prova gli adeguamenti apportati da Nissan o dal Gruppo Renault al riguardo.

Ti potrebbe interessare: PSA e FCA: Bruxelles potrebbe richiedere alcune condizioni

Notizie Correlate
Mercato

Fiat Chrysler richiama 1 milione di auto: ecco il motivo

Mercato

FCA lancia l'APP GOe: ecco di cosa si tratta

Mercato

FCA citata in giudizio da un gruppo di dipendenti in Ohio

Mercato

Fiat Chrysler sotto indagine in Italia, Germania e Svizzera