Fiat

La fabbrica Fiat di Betim avvia la produzione di mascherine chirurgiche

Betim

Per contribuire alla lotta contro Covid-19, Fiat Chrysler ha investito circa 3,5 milioni di dollari per costruire una fabbrica di mascherine chirurgiche all’interno del Polo automobilistico Fiat, a Betim (MG). La fabbrica, installata in collaborazione con Comau, ha una capacità di 1,5 milioni di unità al mese. Oltre alla distribuzione tra i dipendenti FCA negli stabilimenti brasiliani del gruppo, parte della produzione sarà donata a comunità e professionisti della salute negli stati di Minas Gerais, Pernambuco e San Paolo.

“In questi giorni stanno imponendo sfide senza precedenti per tutti noi. Dobbiamo adattarci, ripensare, reagire e innovare rapidamente. Ancora una volta, il nostro personale ha investito tempo, creatività, solidarietà e innovazione per consentire una nuova operazione industriale, senza precedenti nella nostra storia in America Latina e in tempi record ”, sottolinea Antonio Filosa, presidente di FCA per l’America Latina.

La competenza delle aree di produzione, acquisti e ingegneria logistica di FCA, unita all’esperienza e alle risorse di Comau, ha permesso alla nuova linea di produzione di mascherine chirurgiche di Betim di iniziare a funzionare in meno di due mesi, dall’acquisto e dall’importazione di macchinari , ricerca e validazione della materia prima, adattamento dello spazio nell’impianto fino all’effettiva produzione e omologazione delle maschere con le autorità sanitarie.

“In FCA e Comau, abbiamo una vasta esperienza di produzione di livello mondiale. Le maschere chirurgiche, tuttavia, sono un prodotto totalmente nuovo per noi, con caratteristiche e requisiti molto diversi da tutto ciò a cui siamo abituati a produrre a livello globale. È stato possibile apportare questo grande cambiamento solo grazie alla dedizione, alla flessibilità, alla collaborazione e alla resilienza dei nostri professionisti”, sottolinea Francesco Ciancia, direttore della produzione di FCA per l’America Latina.

Secondo la casa automobilistica, la fabbrica copre un’area di 250 metri quadrati, che è stata completamente adattata e riconfigurata per la nuova attività, secondo gli standard tecnici della National Health Surveillance Agency (Anvisa). Sulla linea di produzione, 39 dipendenti FCA si alternano in tre turni.

Al polo automobilistico Fiat, altre due aree sono state adattate per nuove funzioni, con priorità nell’affrontare il Covid-19. Per due mesi, il laboratorio di elettronica dell’unità propulsore ha mantenuto un intenso ritmo di lavoro incentrato sulla manutenzione dei respiratori meccanici. Dall’inizio dell’operazione, 181 respiratori sono stati ricevuti da 36 città di Minas Gerais e Amapá, tra cui 48 ospedali. Di questo totale, 45 sono già stati recuperati e restituiti alle unità sanitarie.

Ti potrebbe interessare: Il nuovo impianto per motori FCA a Betim inizierà a funzionare quest’anno

Notizie Correlate
Fiat

Nuova Fiat 500 insignita del premio di design "Red Dot Award"

Fiat

SHARE NOW amplia la sua flotta con Fiat 500

Fiat

FCA Serbia: lavoratori di nuovo in ferie retribuite dopo soli tre giorni lavorativi a ottobre

Fiat

Fiat Strada: visto il successo la sua gamma sarà ampliata