Il prossimo accordo di Sauber con la Ferrari potrebbe non mantenere il nome dell’Alfa Romeo in F1

Sebbene l’estensione della partnership tra Ferrari e Sauber sia scontata la permanenza di Alfa Romeo in F1 è in dubbio
Alfa Romeo Sauber
Alfa Romeo Sauber

L’estensione della partnership Ferrari-Sauber, che sarà confermata a breve, apre una serie di possibilità intriganti, non ultimo il fatto che Stellantis possa acquisire la squadra. Nella sua forma più elementare, l’accordo vedrebbe una continuazione dell’attuale fornitura di una “parte posteriore” completa: motori, trasmissioni, componenti elettronici e idraulici associati e sospensioni posteriori.

Tuttavia, con i regolamenti 2022 della F1 che incoraggiano la condivisione di alcune parti, si ritiene che l’accordo preveda una cooperazione bidirezionale, in particolare perché Sauber ha impianti di produzione su vasta scala. Al contrario, Haas, senza galleria del vento o capacità di produzione, diventerà sempre più dipendente dalle tecnologie Ferrari come consentito. A tal fine, infatti, Ferrari ha istituito un dipartimento di tecnologia per i clienti.

Alfa Romeo, in precedenza parte della scuderia FCA, ha recentemente rinnovato la sua livrea e la partnership per il titolo con la Sauber fino alla fine del 2021 e quindi una decisione dovrà essere presa al più presto. Tuttavia, se i detentori del leggendario marchio milanese siano contenti di un solido ottavo posto in campionato – come è stato il caso dal 2017 – è un’altra questione.

Sebbene Ferrari e Stellantis siano entità legali separate, sono “unite” ai vertici tramite la società di partecipazione principale Exor, presieduta da John Elkann. Mentre ci sono suggerimenti che il rampollo della famiglia Agnelli non sia un fan sfegatato della F1, non ci sono dubbi che capisca il valore del marchio creato dalle corse automobilistiche.

Al contrario, Tavares nutriva ambizioni di corse professionalmente prima di passare all’ingegneria e da allora ha gareggiato in oltre 500 eventi amatoriali tra cui rally e monoposto. Se desidera acquisire la Sauber come progetto per Stellantis, probabilmente troverà orecchie pronte ad ascoltarlo a Torino. Se ciò dovesse accadere, la domanda successiva è quella del marchio. L’alleanza possiede Alfa Romeo e Maserati, entrambe con illustri pedigree in F1.

Mentre Alfa Romeo è il marchio logico se Stellantis dovesse acquisire la Sauber, la mossa potrebbe incontrare un ostacolo sotto forma di CEO Jean-Phillipe Imparato, la scorsa settimana trasferito da Tavares da Peugeot ad Alfa Romeo come parte di rimpasti gestionali. Sebbene il francese abbia gareggiato in eventi classici, la sua carriera suggerisce che è ambivalente nei confronti delle corse, avendo in precedenza dirottato i budget sportivi verso progetti di auto stradali.

In modo significativo, nel 2019 ha dichiarato alla rivista Autocar che “Chiedere 200 milioni di euro per un futuro programma di sport motoristici è completamente folle. Abbiamo impegnato il nostro budget [sportivo] altrove, per un minimo di tre anni. Vedremo dopo. Una cosa è certa: il motorsport è morto a meno che non sia elettrificato. “

Sarebbe necessario un esborso significativo per continuare a mantenere Alfa Romeo in F1 a pieno titolo, il tutto mentre la società cercherà di investire montagne di denaro per estendere l’attuale gamma composta di due modelli.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Giulietta anticipa la fine della sua produzione

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share