Il capo della Ferrari Camilleri si dimette con effetto immediato

L’amministratore delegato della Ferrari Louis Camilleri si è dimesso da numero uno dal marchio del cavallino rampante per motivi personali
Louis Camilleri
Louis Camilleri

L’amministratore delegato della Ferrari Louis Camilleri si è dimesso da numero uno dal marchio del cavallino rampante per motivi personali con effetto immediato, appena due anni dopo aver assunto il ruolo. Camilleri, 65 anni, ha preso il timone della Ferrari nel luglio 2018, in sostituzione di Sergio Marchionne dopo la morte di quest’ultimo. Recentemente Camilleri era stato ricoverato in ospedale dopo aver preso il Covid-19. Sebbene ora sia a casa, ha deciso di dimettersi per aiutare la sua guarigione.

All’inizio del suo mandato, Camilleri ha definito una strategia in cui la Ferrari ha ampliato la sua gamma di vetture da gran turismo, oltre ad aumentare il suo tradizionale elenco di supercar, e ha intrapreso lo sviluppo del suo primo SUV, il “Purosangue”. L’anno scorso l’azienda ha lanciato cinque modelli, i più importanti della sua storia.

John Elkann, rampollo della dinastia Agnelli che controlla il produttore di supercar insieme a Fiat Chrysler e CNH Industrials, interverrà come amministratore delegato fino a quando non verrà trovato un sostituto. “Vorrei esprimere i nostri più sinceri ringraziamenti a Louis per la sua incrollabile dedizione come nostro amministratore delegato dal 2018 e come membro del nostro consiglio di amministrazione dal 2015”, ha affermato.

“La sua passione per la Ferrari è stata senza limiti e sotto la sua guida l’azienda ha ulteriormente affermato la sua posizione come una delle più grandi aziende del mondo, capitalizzando il suo patrimonio davvero unico e la sua instancabile ricerca dell’eccellenza. Auguriamo a lui e alla sua famiglia un lungo e felice pensionamento “.

Camilleri ha affermato di essere “orgoglioso dei numerosi risultati raggiunti dalla società dal 2018 e sa che gli anni migliori della Ferrari devono ancora venire”. Giovedì si è anche ritirato dalla carica di presidente del gruppo del tabacco Philip Morris. L’amministratore delegato Andre Calantzopoulos diventerà il presidente esecutivo del gruppo a maggio, sostituito dal capo delle operazioni Jacek Olczak come CEO, ha detto la società giovedì.

Il marchio del cavallino rampante ha resistito alla pandemia meglio di quasi ogni altro gruppo automobilistico, ammortizzato dalla sua base di clienti. I profitti ante imposte del terzo trimestre sono stati di 222 milioni di euro, in calo solo del 2% rispetto all’anno precedente, mentre i ricavi complessivi sono diminuiti del 3% a 888 milioni di euro.

Ti potrebbe interessare: Camilleri ha sottolineato che la missione della Ferrari nel 2020 è vincere

Articoli Suggeriti
Total
0
Share