GP Arabia Saudita: la gara della Ferrari

Leclerc perde posizioni, Sainz guadagna
GP Arabia Saudita: la gara della Ferrari
GP Arabia Saudita: la gara della Ferrari

L’esito del primo GP Arabia Saudita è stato agrodolce per la Scuderia Ferrari, con un settimo posto per Charles Leclerc e un ottavo per Carlos Sainz. Tra i lati positivi c’è stato il risultato complessivo alla luce della battaglia per il terzo posto nel campionato Costruttori con la McLaren, visto che la squadra entra nell’ultima gara con un rassicurante vantaggio di 38,5 punti sugli avversari. Leclerc è risalito al quinto posto nella classifica Piloti, ora con 4 punti di vantaggio su Lando Norris, mentre Sainz ha ridotto il distacco dall’inglese a 4.5.

C’è un senso di delusione perché il livello di prestazione in gara e anche in qualifica, non si riflette nel risultato, che avrebbe potuto essere migliore. La SF21 aveva chiaramente il passo per essere la vettura più veloce, a parte le due squadre in lotta per i titoli, sia su gomme medie che dure, come si è visto nel primo stint.

Leclerc e Sainz erano sempre all’attacco, anche battagliando tra loro in un paio di occasioni. Tuttavia, la prima bandiera rossa e le due ripartenze sono stati i momenti chiave. Questo è stato particolarmente vero per il monegasco che lo ha tenuto lontano dai primi cinque per molto tempo, mentre in generale il compagno di squadra può essere soddisfatto di una guida che lo ha portato dal 15° all’8° posto al traguardo.

GP Arabia Saudita: le interviste ai piloti

Charles Leclerc: “Siamo contenti del modo in cui abbiamo recuperato dopo l’incidente di venerdì, quindi è un peccato finire solo settimo, perché avevamo il potenziale per fare meglio.
La prima parte della gara è stata davvero buona e il nostro passo era forte. Quando la Safety Car è uscita dopo la partenza, abbiamo pensato che fosse arrivata un po’ di fortuna e che avremmo beneficiato di fermarci quando lo abbiamo fatto. Tre giri dopo è arrivata la bandiera rossa che ci è costata tre posizioni
“.

Abbiamo evitato di prendere troppi rischi alla ripartenza, ma poi è arrivato il contatto con Checo e abbiamo perso più posizioni. Quello che ha maggiormente compromesso la nostra gara è stato il flatspot che ho raccolto in quel punto. Ciò ha reso davvero difficile far funzionare gli Hard dopo il successivo riavvio e ha anche causato alcuni blocchi anteriori. Il ritmo è tornato verso la fine, ma oggi è stata una delle giornate in cui vari fattori ci hanno impedito di ottenere un risultato migliore”.

Carlos Sainz: “È stata una gara divertente da guidare e non possiamo essere troppo delusi partendo dal quindicesimo posto e finendo all’ottavo posto. Sono partito bene e sono riuscito ad attaccare, recuperando subito alcune posizioni con la gomma Hard, che funzionava davvero bene. Purtroppo la prima Safety Car e bandiera rossa sono uscite troppo presto per i miei interessi. Non abbiamo avuto altra scelta che montare le Medium, anche se sapevamo che dovevamo farle durare 36 giri“.

Abbiamo avuto un buon ritmo all’inizio del secondo stint, salendo al settimo posto e riprendendo Gasly davanti, ma verso la fine le mie gomme erano completamente esaurite e negli ultimi giri non abbiamo potuto fare nulla per difenderci da Charles, che era sul composto Hard. Peccato per le qualifiche di ieri, perché sono convinto che avremmo potuto finire più in alto, ma sono felice di essere riuscito a tornare a fare punti. Ora non vediamo l’ora che arrivi Abu Dhabi per concludere la stagione in bellezza“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share