Ferrari: un mito del lusso a prova di crisi

Nell’anno della pandemia, la Ferrari è praticamente riuscita a mantenere la sua velocità di crociera
Ferrari
Ferrari

Nell’anno della pandemia, la Ferrari è praticamente riuscita a mantenere la sua velocità di crociera. L’azienda del Cavallino Rampante è riuscita a compensare la chiusura degli stabilimenti per sette settimane nel primo trimestre e delle concessionarie e ha ottenuto risultati record negli ultimi tre mesi del 2020, che hanno superato gli obiettivi previsti e consentito di sostenere il suo successo. Ciò, tra le altre cose, ha contribuito al fatto che la domanda rimane elevata e il portafoglio ordini è traboccante. I ricchi hanno continuato ad ordinare auto di lusso durante la crisi.

Nell’anno della pandemia, la Ferrari è praticamente riuscita a mantenere la sua velocità di crociera

La casa ha venduto 9.119 veicoli, 1.012 in meno rispetto all’anno precedente, principalmente a causa del blocco forzato della produzione. Inoltre, secondo il suo direttore finanziario, Antonio Picca Piccon, dalla riapertura gli ordini sono aumentati del 22%, che permette di coprire tutto quest’anno e parte del prossimo. “In termini annuali, siamo finiti molto in linea con il 2019, nonostante un ambiente molto diverso”, ha detto.

Nel 2020, la casa automobilistica italiana ha ottenuto un utile netto di 609 milioni di euro, il 13% in meno rispetto al 2019, quando ha guadagnato 699 milioni. È entrato in 3.460 milioni, l’8% in meno rispetto all’anno precedente . “I notevoli risultati per il 2020 sono una testimonianza della forza del nostro modello di business e della resilienza del nostro core business.

Questi risultati sono stati raggiunti tenendo conto dell’impatto del covid-19 in tutte le nostre attività. Questo ambiente ci ha dato l’opportunità di comprendere meglio i nostri punti di forza e di debolezza, il che ci ha permesso di rafforzare ulteriormente la nostra azienda in vista del futuro “, ha dichiarato John Elkann, presidente della Ferrari e CEO ad interim da dicembre dopo le dimissioni di Louis Camilleri, durante la presentazione dei risultati dell’ultimo trimestre dell’anno in conferenza con gli analisti.

Il margine operativo lordo (ebitda) è stato di 1.143 milioni, inferiore del 10%, mentre anche il margine operativo netto (ebit) ha registrato una flessione del 22%, attestandosi a 716 milioni. Da ottobre a dicembre l’azienda ha registrato un utile netto di 263 milioni, superiore del 58% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e ricavi pari a 1.069 milioni di euro, il 15% in più. Questa notevole accelerazione nel quarto trimestre anticipa una “forte ripresa” per il 2021, secondo la società, che alcuni analisti, invece, hanno accolto con una certa delusione.

L’azienda, che più di una casa automobilistica è un’icona di esclusività e lusso, ha previsto per quest’anno, se la pandemia lo consente, un modesto aumento dei ricavi, che raggiungerebbero 4.300 milioni e un risultato operativo lordo aggiustato tra 1.450 e 1 . 500 milioni. Mentre il flusso di cassa libero industriale nel 2020 è stato positivo a 172 milioni, quest’anno si prevede che sarà di circa 350 milioni. “È un buon insieme di risultati per il quarto trimestre, ma le prospettive sono alquanto deludenti”, secondo l’ultimo rapporto Citi.

Oltre alla chiusura degli stabilimenti, la chiusura del mercato cinese e la cancellazione di grandi eventi automobilistici di lusso, come il Salone di Ginevra, il rallentamento delle vendite di motori e l’impatto del covid-19 sulla Formula 1. “Il numero di gare in programma a inizio anno era 22, mentre solo 17 sono state completate e si sono svolte anche senza pubblico, per questo i benefici generati dalla Formula 1 che viene distribuita tra i team partecipanti alle gare è stata inevitabilmente ridotta ”, sottolinea Martino de Ambroggi, analista finanziario di Equita investment bank.

Per Ferrari questo è un campo critico non solo in senso economico. Al di là delle glorie passate, negli ultimi anni la sua promessa rinascita delle corse non è decollata del tutto e i suoi piloti hanno chiuso una stagione terribile. La squadra , in piena ristrutturazione tecnica e sportiva, è arrivata sesta, con 131 punti, nessuna vittoria e appena tre podi, anni luce dietro alla Mercedes (573 punti).

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share