Fiat Chrysler respinge le ultime accuse di GM

Fiat Chrysler Automobiles ha respinto lunedì il tentativo di General Motors di rilanciare la sua causa racket
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles ha respinto lunedì il tentativo di General Motors di rilanciare la sua causa racket, due giorni dopo che l’ex capo negoziatore sindacale di FCA, condannato per lo scandalo per corruzione UAW, ha confrontato le tattiche di GM con quelle delle cacce alle streghe anticomuniste del senatore Joe McCarthy. Il dramma legale che mette le due case automobilistiche l’una contro l’altra è ora al nono mese, nonostante il rigetto del caso a luglio da parte del giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti Paul Borman.

GM aveva intensificato le accuse la scorsa settimana, affermando di aver trovato nuove prove di conti offshore nelle Isole Cayman, Svizzera, Lussemburgo e altri paesi progettati per alimentare uno schema di corruzione per danneggiare GM e sostenendo che l’ex membro del consiglio di GM Joe Ashton, che è in attesa di condanna nell’indagine federale, era in realtà una talpa pagata. La causa originale di GM, presentata a novembre, sosteneva che FCA avesse corrotto il processo di contrattazione, costando miliardi di dollari a GM, nel tentativo di danneggiare GM e forzare una fusione, che non è mai avvenuta, delle due società.

Alphons Iacobelli, l’ex negoziatore del lavoro che in seguito è andato a lavorare per GM e ha fatto il confronto con McCarthy, e altri funzionari della FCA coinvolti nell’indagine sulla corruzione sono imputati, ma GM ha anche fatto riferimento ad altri, tra cui Ashton, che era un ex vice della UAW presidente e due ex presidenti della UAW.

Fiat Chrysler in proposito ha dichiarato: “Il reclamo modificato proposto da GM sembra una sceneggiatura di un film di spionaggio di terza categoria, pieno di accuse assurde secondo cui FCA ha pagato non una, ma due, ‘talpe’ per infiltrarsi in GM ‘e’ incanalare informazioni privilegiate a (FCA) ‘ utilizzando denaro “nascosto” in una “vasta rete” di “conti (bancari) segreti all’estero”. … Niente di tutto questo è vero. Che GM abbia esteso i suoi attacchi a singoli funzionari e dipendenti di FCA, avanzando accuse contro di loro senza un briciolo di supporto fattuale, è spregevole “, ha detto FCA nella sua risposta lunedì.

La società ha proseguito affermando che “la denuncia modificata proposta da GM è l’ultimo esempio di ciò a cui l’azienda americana è disposta, pur di attaccare un concorrente che sta vincendo sul mercato con accuse ancora più infondate. Come abbiamo detto fin dall’inizio questa è una causa senza merito e continueremo a difenderci con forza “.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share