Ferrari: il problema dell’usura degli pneumatici non è una novità

Mattia Binotto spiega il problema di usura eccessiva degli pneumatici
Ferrari: il problema dell'usura degli pneumatici non è una novità
Ferrari: il problema dell’usura degli pneumatici non è una novità

Non riuscendo a segnare un solo punto, la Ferrari, per la prima volta in questa stagione, Mattia Binotto ammette che i problemi di usura delle gomme delle monoposto, in particolare all’anteriore, non sono una novità.

Nonostante le pole consecutive per Charles Leclerc a Monaco e Baku, e un podio per il compagno di squadra Carlos Sainz nel Principato, la Ferrari si è preoccupata di chiarire che non si aspettava che la tendenza continuasse al Paul Ricard.

Tuttavia, sicuramente nulla avrebbe potuto preparare la squadra italiana – e i suoi tifosi – per l’incubo che è stato il Gran Premio di Francia, con i suoi piloti che si sono piazzati a distanza 11° e 16°.

Intervista a Mattia Binotto sul degrado gomme in Ferrari

Il Team Principal, Mattia Binotto, ammette che i problemi sorti l’ultima volta che la F1 è andata sul circuito francese nel 2019, non sono ancora stati risolti. Non siamo riusciti a far funzionare le gomme come avremmo dovuto“, ha ammesso, “la nostra prestazione è stata davvero in difficoltà con le gomme. Non penso che rifletta il vero ritmo della vettura o le prestazioni in sé“, ha continuato, “ma è qualcosa che dobbiamo imparare e affrontare, non nell’immediato futuro ma nel medio e lungo termine“.

Sapevamo che questo circuito sarebbe stato difficile“, ha sospirato. “Curve ad alta velocità in cui lo pneumatico assorbe energia, il caldo… se guardi di nuovo dove eravamo due anni fa, eravamo davvero in difficoltà qui quindi penso che queste siano le caratteristiche della nostra macchina. Non è un circuito in cui andiamo bene“.

Alla fine sono due anni fa che abbiamo avuto il problema. Avremmo dovuto affrontarlo, non è ancora così quindi è importante guardare al futuro per imparare le lezioni, per sistemarlo. Per noi è più importante capirlo e affrontarlo definitivamente per il prossimo anno. La preoccupazione principale per noi è che accadrà in più gare, ma non in tutte le piste. Dobbiamo prepararci per questa situazione“.

Alla domanda se il giro di vite sulla pressione dei pneumatici possa aver avuto un ruolo, ha risposto: “No, non posso pensare che abbiano alcun impatto. Se guardo alla prescrizione, le pressioni si sono alzate solo al posteriore e abbiamo avuto il problema all’anteriore con il graining. Per noi non è cambiato nulla nella preparazione. Quindi la risposta è abbastanza chiara, no“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share