Ferrari paga bonus di competitività a ciascun dipendente

Ferrari ha annunciato domenica il pagamento di un bonus di competitività di 7526,14 euro in media per ogni dipendente
Ferrari
Ferrari

Ferrari ha annunciato domenica il pagamento di un bonus di competitività di 7526,14 euro in media per ogni dipendente. La decisione della Ferrari arriva dopo la pubblicazione del risultato 2020, che ha registrato un utile netto di oltre 600 milioni di euro.

Ferrari ha annunciato domenica il pagamento di un bonus di competitività di 7526,14 euro in media per ogni dipendente

Un risultato positivo, inferiore a quello del 2019 ma superiore alle aspettative, grazie a un quarto trimestre record, dove la casa italiana di auto di lusso ha realizzato un utile di 263 milioni di euro, in crescita del 58% rispetto al 2019.

Ferrari ha prodotto 9.119 auto e l’Ebitda (utile prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti) è stato di 1.143 miliardi di euro. Pertanto, pagherà un bonus ai lavoratori che hanno contribuito a raggiungere questo risultato. Inoltre, i dipendenti Ferrari potranno ottenere 500 euro in più dopo aver negoziato il nuovo contratto con i sindacati.

Il bonus non tiene conto del periodo di interruzione dei lavori negli stabilimenti italiani a causa della pandemia del nuovo coronavirus (covid-19), che ha paralizzato la produzione tra il 16 marzo e il 4 maggio 2020. In quelle sette settimane, i dipendenti il ​​cui lavoro era incompatibile con l’ufficio domestico ricevevano il loro stipendio regolare. La Ferrari inoltre non conterà come assenze i giorni in cui i dipendenti non sono andati a lavorare a causa di eventi legati alla pandemia, come i contagi da familiari.

Il numero dei dipendenti Ferrari continua a crescere. Nel 2020 erano aumentati del 6,3%, raggiungendo i 4.500 nel mondo, la maggioranza negli stabilimenti in Italia. Nel 2021 è prevista l’assunzione di 50 nuovi dipendenti presso lo stabilimento di Maranello.

L’anno scorso la Ferrari ha lanciato un programma di sicurezza sul lavoro per affrontare l’epidemia. Il progetto “Back on Track” mira a promuovere il benessere psicofisico dei dipendenti durante il periodo del coronavirus. L’azienda è stata una delle prime ad offrire ai lavoratori e alle loro famiglie test sierologici volontari, effettuando oltre 25.000 test e test rapidi.

Nel corso del 2020 Ferrari ha erogato più di 63.000 ore di formazione ai propri dipendenti, in gran parte da remoto, con un incremento di circa l’11% rispetto alle 57.000 ore del 2019. E nonostante le difficoltà, lo scorso anno la Ferrari ha organizzato un centro estivo per oltre 330 figli di dipendenti, oltre a mettere a disposizione 57 borse di studio per gli studenti più laboriosi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share