FerrariFiat

Ferrari e Fiat cercano di aiutare l’Italia a creare ventilatori per i malati di coronavirus

Ferrari e Fiat

 Ferrari e Fiat Chrysler Automobiles sono in trattativa con il più grande produttore di ventilatori della nazione per aiutare a incrementare la produzione delle macchine salvavita che sono urgentemente necessarie nella crisi del coronavirus, hanno detto i funzionari della compagnia giovedì. L’Italia è l’epicentro della pandemia e il suo governo ha intrapreso una grande espansione del numero di letti di terapia intensiva, molti dei quali richiederanno ventilatori per mantenere in vita i pazienti assumendo le funzioni respiratorie.

Siare Engineering, nel nord Italia, è in trattativa con Fiat Chrysler, Ferrari e il produttore italiano Marelli per realizzare alcune parti, procurarsene altre e eventualmente aiutare con l’assemblaggio di ventilatori. Gianluca Preziosa, amministratore delegato di Siare, ha affermato che le due industrie condividono una certa esperienza, con il settore dei ventilatori e i produttori di automobili che si affidano fortemente all’elettronica e alla pneumatica.

“Stiamo parlando con Fiat Chrysler, Ferrari e Marelli per cercare di capire se possono darci una mano in questo processo per la parte elettronica”, ha detto a Reuters. Roma ha chiesto a Siare di aumentare la sua produzione mensile di ventilatori da 160 a 500 dopo che la crisi del virus ha lasciato il sistema sanitario del paese in grave pericolo, ha detto Preziosa. Un portavoce di Exor, genitore sia della FCA che della Ferrari, ha affermato che giovedì hanno avuto luogo incontri con Siare per studiare la fattibilità dell’idea.

Preziosa ha affermato che un altro vantaggio della collaborazione con i produttori di automobili è il loro potere di acquisto, che li rende più propensi a ottenere parti rispetto alla sua piccola azienda che sta lottando per proteggere i componenti in caso di interruzione legata al coronavirus alle catene di approvvigionamento globali. I ventilatori, che muovono l’aria dentro e fuori dai polmoni, potrebbero fare la differenza tra vita e morte per i pazienti con coronavirus che soffrono di difficoltà respiratorie.

L’idea di utilizzare le case automobilistiche per la fornitura di attrezzature mediche è nata in Cina, dove il costruttore di auto elettriche BYD all’inizio di questo mese ha iniziato a produrre 5 milioni di maschere per il viso e 300.000 bottiglie di disinfettante per le mani al giorno. La casa automobilistica con sede a Shenzhen è sostenuta dall’investitore americano Warren Buffett. Da allora l’idea si è diffusa ad altri settori e paesi.

Il gruppo aerospaziale europeo Airbus sta lavorando attraverso i suoi processi per vedere se le sue strutture di stampa o produzione 3D possono essere utili. “L’obiettivo è che ci sia un prototipo di (ventilatore) in due settimane e che inizi la produzione in quattro settimane”, ha detto una persona che ha familiarità con la situazione dell’azienda. Negli Stati Uniti, il governo federale è in trattativa con i giganti automobilistici di Detroit, General Motors e Ford, su come possano aiutare ad espandere la produzione di ventilatori, hanno detto mercoledì le aziende e i funzionari della Casa Bianca.

Ti potrebbe interessare: General Motors, Fiat Chrysler e Ford hanno chiuso gli impianti in USA a causa del Coronavirus

Notizie Correlate
Fiat

Fiat Toro avrà un fratello SUV

Ferrari

Ferrari GTC4Lusso: addio al sostituto della Ferrari FF

Fiat

Fiat Panda: piace la versione ibrida

Fiat

Fiat Strada è la seconda auto più venduta in Brasile ad agosto