Mercato

General Motors, Fiat Chrysler e Ford hanno chiuso gli impianti in USA a causa del Coronavirus

Fiat Chrysler

Ford Motor, General Motors e Fiat Chrysler Automobiles hanno confermato le decisioni di chiusura degli impianti statunitensi e delle fabbriche in Canada e Messico. Mercoledì le azioni delle case automobilistiche di Detroit sono crollate, con GM che ha chiuso in ribasso del 17,3%, Ford in calo del 10,2% e le azioni Fiat Chrysler che hanno chiuso in ribasso del 9,2% a New York. Le fabbriche nordamericane delle case automobilistiche costruiscono i loro pick up e SUV più redditizi, come Jeep Wrangler di Fiat Chrysler, il pickup Chevrolet Silverado di GM e la linea di pick up della serie F Ford.

Queste decisioni arrivano meno di un giorno dopo che le case automobilistiche e il sindacato United Auto Workers hanno concordato di mantenere gli impianti in funzione con turni e personale ridotti e più tempo per la pulizia. Ma quell’accordo è stato annullato mercoledì mattina dopo che Honda Motor Co ha dichiarato che avrebbe chiuso le sue fabbriche nordamericane per sei giorni a causa di un crollo della domanda, e un lavoratore in un impianto di assemblaggio Ford nel Michigan è risultato positivo per il coronavirus.

Mercoledì mattina Ford ha chiuso l’edificio dell’assemblaggio finale nel suo complesso a Wayne, nel Michigan, dove costruisce il pick up Ranger e produrrà i SUV Bronco. Ford ha detto che avrebbe chiuso tutti i suoi impianti nordamericani dopo i turni di giovedì sera fino al 30 marzo per pulire a fondo le fabbriche negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Lo stesso hanno annunciato anche General Motors e Fiat Chrysler.

Le tre case automobilistiche di Detroit non hanno ancora emesso avvisi di profitto, ma BMW ha dichiarato mercoledì che il suo profitto per il 2020 sarà  “significativamente inferiore” rispetto allo scorso anno. Fiat Chrysler ha dichiarato che aggiornerà la sua guida finanziaria quando avrà una maggiore visibilità sull’impatto dell’epidemia sul mercato.  Il presidente del sindacato United Auto Workers (UAW), Rory Gamble, che aveva precedentemente invitato le case automobilistiche di Detroit a chiudere i loro stabilimenti statunitensi, in una dichiarazione di mercoledì ha definito gli arresti “la cosa prudente da fare”. “I recenti sviluppi in Nord America chiariscono che questa è la cosa giusta da fare ora”, ha dichiarato l’amministratore delegato di GM Mary Barra in una dichiarazione separata.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler interrompe la produzione negli stabilimenti europei per due settimane

Notizie Correlate
Mercato

La famiglia Agnelli dona 10 milioni di euro per combattere il coronavirus

Mercato

Fiat Chrysler interrompe la produzione negli stabilimenti europei per due settimane

Mercato

FCA nomina nuovi direttori in Nord America e Canada

Mercato

Fiat Chrysler in Canada i lavoratori fermano la produzione