FCA rimuove più di 5000 tonnellate di CO2 dall’aria

Fiat Chrysler Automobiles vuole rendere il centro produttivo di Torino un esempio di sostenibilità. 150 mila metri quadrati di pannelli fotovoltaici ridurranno le emissioni di CO2 di 5000 tonnellate.
FCA
FCA

Mirafiori è al centro dei piani di elettrificazione di Fiat Chrysler Automobiles (FCA), ma il complesso industriale italiano non si fermerà alla sola produzione di veicoli più ecologici. È un dato di fatto che la nuova Fiat 500 elettrica (BEV) è già stata prodotta lì, vale a dire le unità pre-serie che hanno lo scopo di testare il prodotto e trovare modi per accelerare la produzione, che dovrebbe iniziare a giugno, tre mesi dopo la presentazione del nuovo modello al Motor Show di Ginevra. E Mirafiori fungerà anche da trampolino di lancio per l’incursione di Maserati nell’ibridazione e completa elettrificazione. Tuttavia, il complesso produttivo di Torino vuole andare oltre e diventare esso stesso un punto di riferimento in termini di sostenibilità.

A tal fine, FCA installerà 150.000 metri quadrati di pannelli fotovoltaici nel complesso industriale di Mirafiori, in grado di produrre 15 MW di elettricità e, quindi, di “ridurre le emissioni di oltre 5000 tonnellate di CO 2 “ , oltre a fornire “energia sostenibile per caricare i modelli elettrificati prodotti in fabbrica ”, afferma il gruppo italo-americano in un comunicato stampa.

Gli sforzi di FCA per contribuire a un ambiente più pulito raggiungeranno persino il parcheggio del complesso di Torino. Verranno installati un totale di 850 punti di carico, di cui 750 nell’area riservata al parcheggio dei dipendenti. FCA non dice nulla sulla potenza di queste stazioni di ricarica, ma ricorda che le due misure ora annunciate fanno parte di un piano di investimenti globali in Italia, dal 2019 al 2021, per un valore di 5 miliardi di euro. Sempre nell’ambito di questo piano, è già in corso un progetto in collaborazione con Terna, per la creazione a Mirafiori del “più grande polo V2G (Vehicle-to-Grid)” . La costruzione è in corso e include anche l’uso di pannelli fotovoltaici, la sfida è quella di collegare una flotta di 700 BEV Fiat 500 a un’infrastruttura di ricarica bidirezionale , in grado di fornire alla rete 25 MW per bilanciare la domanda.

Ti potrebbe interessare: FCA, Mirafiori: orario di lavoro ridotto del 57% per gli addetti alle presse

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share