Mercato

FCA ha avuto il permesso di recuperare parti da un fornitore del nord Italia chiuso per il coronavirus

FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha ottenuto il permesso di recuperare parti critiche da un fornitore in una zona del nord Italia chiusa a seguito dell’epidemia di coronavirus del paese. Tre degli stabilimenti automobilistici di FCA in Italia e una fabbrica di furgoni in joint venture con il Gruppo PSA sono stati minacciati di arresti della produzione perché MTA Advanced Automotive Solutions non è stata in grado di fornire componenti elettronici essenziali.

La sede centrale e il principale centro di produzione di MTA a Codogno, 60 km a sud-est di Milano, è stata chiusa da lunedì dopo che la città è diventata il centro di un focolaio di coronavirus responsabile di 12 decessi e oltre 370 casi confermati di virus. Le autorità italiane hanno ordinato alle fabbriche di Codogno e di nove città vicine di sospendere le attività non essenziali per aiutare a prevenire la diffusione del virus. Le persone non sono autorizzate ad entrare o uscire dalle città.

MTA ha affermato che gli stabilimenti di FCA a Mirafiori, Cassino e Melfi e la sua joint venture Sevel con PSA avrebbero esaurito le parti MTA senza consegne regolari di parti. Anche Renault, BMW, PSA Group e Jaguar Land Rover potrebbero essere colpiti, ha affermato il fornitore. Il CEO della MTA Antonio Falchetti ha dichiarato che FCA ha ottenuto il permesso di entrare nell’area chiusa a causa della minaccia alla produzione della casa automobilistica. Ha detto che FCA ha inviato un camion da un appaltatore esterno per raccogliere le parti dopo che il rappresentante locale del governo italiano ha dato il proprio assenso.

Un portavoce di FCA ha confermato che è stata ottenuta una deroga che consente alla casa automobilistica di accedere all’impianto MTA. Fiat Chrysler attualmente non prevede alcuna chiusura di impianti in Italia a causa dell’epidemia di virus, ha detto il portavoce. MTA ha affermato che il ritorno avverrà su una vasta area coperta e sarebbe soggetto alla verifica quotidiana dello stato di salute di ciascun lavoratore. MTA ha già affrontato il virus nel suo impianto di produzione cinese a Shanghai e “quindi conosce tutte le procedure necessarie per continuare a produrre in totale sicurezza dei suoi lavoratori”, ha affermato. L’ impianto di  Codogno produce componenti elettrici a bassa tecnologia come scatole di fusibili. Secondo MTA, le parti che producono per FCA sono di provenienza singola. L’ unico impianto di FCA in Europa a chiudere dopo lo scoppio del virus è in Serbia, dove la produzione di Fiat 500L è stata fermata a causa della carenza di parti audio dalla Cina. L’impianto dovrebbe riavviare la produzione giovedì.

Notizie Correlate
Mercato

Marelli ottiene un grosso prestito per far fronte a Covid-19

Mercato

La nuova Lancia Ypsilon Hybrid riceve la versione Maryne

Mercato

Fiat Chrysler sospende le operazioni in Messico a causa del coronavirus

Mercato

General Motors, Fiat Chrysler e Ford hanno chiuso gli impianti in USA a causa del Coronavirus